5 cibi indispensabili per un’abbronzatura “top” anche a settembre

0
1141
5 cibi indispensabili per un'abbronzatura

Abbiamo fatto tanto per conquistare l’abbronzatura, ore e ore sotto il sole, filtri solari scelti con cura. Poi, una volta riprese le normali attività, ecco che l’abbronzatura tende a svanire rapidamente, e la perdita di quel colore dorato porta sempre un po’ di malumore.

L’abbronzatura, anche quella più “impeccabile”, tende purtroppo a svanire in poco tempo se non si rispettano alcuni accorgimenti, e per mantenere una pelle colorata bisogna anche mangiare bene. Ecco alcuni consigli per poter mantenere l’abbronzatura il più a lungo possibile.

Antiossidanti e beta-carotene con frutta e verdura

E’ importante mangiare tanta frutta e verdura fresche, iniziando naturalmente già dalla prima colazione, e proseguendo durante la giornata con qualche spuntino “vegetale” per fare il carico di vitamina C e sali minerali.
Tutti i cibi ricchi di antiossidanti come Vitamina C, carotene, Vitamina E, licopene e polifenoli – che proteggono la pelle dalle radiazioni solari dannose e contribuiscono a mantenere l’abbronzatura – vanno assolutamente inseriti nella dieta quotidiana.

Tra i cibi privilegiamo quelli ricchi in vitamina A, dato che stimolano la produzione di melanina, e dunque mettiamo in tavola frutta e verdura soprattutto “a polpa gialla, rossa e arancione”.

Il beta-carotene (un pigmento vegetale) si trova in molti frutti, nei cereali, negli oli e nelle verdure a foglia verde, in patate dolci, zucca, spinaci, albicocche, peperoni, pomodori, anguria, melone, mango e soprattutto nelle carote.

carote e beta carotene per abbronzatura

La vitamina A, di cui il beta-carotene è il precursore, è un antiossidante naturale ed essenziale sia per la crescita che per la vista, ma anche per la protezione della pelle.
Il beta-carotene infatti stimola la produzione di melanina, una sostanza prodotta dalla pelle quando sottoposta ai raggi solari, utile ed indispensabile per avere un’abbronzatura uniforme e duratura, oltre ad essere molto importante per proteggere la pelle dagli effetti negativi dei raggi solari.

5 cibi da preferire a settembre per prolungare l’abbronzatura

La grande importanza del beta-carotene è dovuta al fatto che, una volta ingerito, si accumula nel tessuto adiposo, facendo assumere alla pelle il tipico colorito arancione che, assieme al colore dato dalla melanina, contribuisce a una più rapida e gradevole abbronzatura.

Le carote sono utili ed indispensabili per avere un’abbronzatura uniforme e duratura. Sono considerate degli efficaci abbronzanti naturali poiché sono ricche di beta-carotene, di vitamina C e di antiossidanti, sostanze utili a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento.
Inoltre fanno bene alla vista, proteggono i nostri occhi. Possiamo consumare le carote crude, oppure cotte con un filo d’olio per ottenere effetti benefici diversi.

melone e beta carotene per l'abbronzatura

Il melone è un frutto dal sapore dolce e delicato, dissetante, ricco di acqua e povero di calorie. Presenta una grande quantità di beta-carotene, apporta potassio, magnesio, fosforo e altri minerali, contiene vitamina B, vitamina C, vitamina A.

L’anguria è composta al 95% da acqua, proprietà che la rende poco calorica. Ricca di vitamine e sali minerali, è un efficace re-mineralizzante; la presenza di potassio la rende un alleata contro la ritenzione idrica. Contiene carotenoidi per contrastare i radicali liberi e citrullina per equilibrare la pressione.

Una pesca ha la capacità di coprire da sola quasi il 15% del fabbisogno giornaliero di vitamina C. Come la maggior parte dei frutti estivi, ha un effetto rinfrescante e ricostituente, dovuto alla presenza di calcio, zuccheri, potassio.
Contiene inoltre beta-carotene, utile per rinforzare ossa, denti, pelle e mantenere l’abbronzatura.

I pomodori sono ricchi di licopene, un carotenoide con proprietà antiossidanti. Svolgono una potente azione protettiva nei confronti delle radiazioni solari, permettono una difesa della pelle dall’azione dei radicali liberi e dai processi innescati a causa dell’eccessiva esposizione ai danni solari, agendo direttamente dall’interno.
Il licopene contenuto in essi permetterà inoltre che l’organismo produca melanina in quantità maggiore e più a lungo, in modo tale da prolungare l’abbronzatura.

Beauty routine con pelle abbronzata

A causa dell’esposizione al sole, la pelle tende ad essere secca, si squama facilmente e si disidrata, quindi la prima cosa da fare è sicuramente quella di bere molta acqua, con una media di due litri al giorno.

Dopo l’estate può succedere di sentire la pelle abbronzata “tirare”. Accade quando la pelle non è idratata a sufficienza: per questo è fondamentale usare prodotti idratanti dopo la doccia e più volte al giorno.

Provvedete anche a fare un buono scrub al corpo: quando ci si abbronza, la pelle produce un pigmento chiamato melanina. Tuttavia, sulla parte superiore della pelle, si crea di continuo uno strato di cellule morte che può dare all’abbronzatura un aspetto grigiastro e poco uniforme. Un buono scrub prima della doccia rinnova la pelle, donandole un aspetto più dorato e luminoso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here