la lavanda per combattere ansia e nervosismo

0
516

Ogni giorno, si è spesso in balia di stress, attacchi di panico e nervosismo, questo poiché nella maggior parte dei casi non ci si ferma un attimo e non si riesce a ritagliare un piccolo spazio per se. Ovviamente, tutto ciò influisce negativamente sulle proprie condizioni di salute, sia da un punto di vista fisico che mentale e in tali circostanze ci si chiede quali possano essere i rimedi atti a contrastare tali disturbi. A tal proposito, è bene sapere che curare l’ansia è possibile, nello specifico tramite la cosiddetta aromaterapia, ovvero una pratica olistica che agisce sui processi sia fisici che psichici del corpo, attraverso l’utilizzo di oli essenziali di origine vegetale. 

Se si è, dunque, in preda a ‘energie negative’ e non ci si riesce a concentrare o affrontare i propri doveri con forza ed entusiasmo, ecco allora che il mondo dell’aromaterapia si rivela come un vero toccasana per la propria salute e la lavanda ne è una chiara dimostrazione! “Vi sono anche delle ricerche scientifiche sull’argomento: studi e pubblicazioni che testimoniano gli effetti positivi di questa straordinaria pianta. La lavanda attenua condizioni come gli stati di agitazione lieve, l’inquietudine dell’animo, l’irrequietezza, e facilita un buon riposo notturno” come suggerisce fil sito aromaterapia.it. Le proprietà contenute nell’olio essenziale di lavanda andrebbero addirittura a sostituire l’uso di alcuni medicinali utili ad inibire casi di ansia patologica, perciò essa costituisce un reale sostegno per la nostra salute, sebbene prima di valutarne l’utilizzo sarebbe opportuno consultare il proprio medico di fiducia. 

Detto ciò, l’impiego dell’olio essenziale di lavanda per curare i sintomi legati all’ansia non è per nulla invasivo rispetto ad alcuni farmaci, perciò, si rivela versatile ed utilizzabile in svariati modi. Ad esempio, data la sua azione calmante e sedativa, “per godere di un sonno ristoratore e tranquillo può essere utilizzata sotto forma di tisana. Per preparare una buona tisana occorre versare i fiori di lavanda nell’acqua bollente, spegnere il fuoco, coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo al momento” come riportato su ilgiornale.it. Altrimenti, al termine di una stressante giornata lavorativa, concedendosi il piacere di un bagno caldo con l’aggiunta di alcune gocce di olio essenziale di lavanda, si placheranno i nervi anche nei momenti più tesi: provare per credere. 

Anche un semplice massaggio alle tempie con alcune gocce d’olio è un’ottima abitudine antistress, inoltre, nel caso in cui si venga sopraffatti dall’angoscia, un suffumigio a base di acqua bollente, un cucchiaio bicarbonato e 5 gocce di olio essenziale, rassenera e si rivela un ottima cura contro i sintomi legati a raffreddore, sinusite ed emicrania. Basterà mescolare per ben tutti gli ingredienti in una bacinella e coprendosi la testa con un panno, chinarsi ed inalare i vapori sprigionati: i benefici sanno praticamente immediati. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteI benefici garantiti del latte per i capelli
Articolo successivoGlutei alti e sodi: ecco cosa mangiare e cosa evitare