Bere tè o tisane in ufficio? Si, ma attenzione ai batteri

0
2327
bere te in ufficio

Bere una tazza di tè ci rilassa e riscalda ma da oggi, in seguito ai risultati di una nuova ricerca, la guarderemo con un po’ di sospetto. I risultati ottenuti da un’indagine condotta da Initial Washroom Hygiene sui batteri presenti su alcuni utensili da cucina ed elettrodomestici sono infatti abbastanza inquietanti. Ecco cosa è emerso.

tazza di tè

Té e germi, tutto in una tazza

Ci sembrava un’abitudine salutare, eppure neanche il si può più sorseggiare in tranquillità. Secondo una recente ricerca, le bustine di tè che utilizziamo per preparare la nota bevanda in ufficio possono contenere fino a 17 volte più germi di un water!

Per non parlare della tazza usata, che sciacquiamo soltanto, tra una tisana e l’altra, o del bollitore in cui è rimasta un po’ d’acqua, che nel giro di qualche ora diventa l’habitat ideale per milioni di batteri. Secondo i dati ottenuti dagli scienziati, il contenuto batterico medio di una bustina di tè presente in un ufficio è di 3.755, mentre quello di una tavoletta per il water arriva a 220. Se pensiamo dunque che i servizi igienici sul posto di lavoro siano la cosa più sporca a cui prestare particolare attenzione, sembra che dovremmo ricrederci. Ad essere molto più cariche di batteri e microrganismi sono invece proprio le insospettabili bustine di tè.

Anche accessori e attrezzi da cucina hanno una presenza batterica molto alta, tra questi lo studio riporta:

  • Scatola porta bustine – 3785
  • Manico per bollitore – 2483
  • Tazza usata – 1746
  • Maniglia della porta del frigorifero – 1592
  • Contenitore per zucchero – 1406
  • Rubinetto da cucina – 1331
  • Superficie di lavaggio / stenditoio – 1234
  • Rubinetto dell’acqua calda – 1160
  • Piano cucina – 948
  • Maniglia del cassetto per le posate – 754

Come mai tutti questi germi sulle bustine del tè e sugli altri oggetti? La risposta è semplice: secondo un sondaggio condotto su 1.000 impiegati si è visto che l’80% delle persone che lavorano in un ufficio non si lavano le mani prima di preparare le bevande per se’ stessi o i propri colleghi.

Insomma, molte persone danno per scontata l’importanza dell’igiene delle mani dopo aver usato il bagno ma non reputano altrettanto utile lavarle prima e dopo la preparazione di cibi o bevande, sottovalutando così il rischio di contaminazioni batteriche.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe migliori 4 tisane detox e sgonfianti
Articolo successivoTrasformare il bagno di casa in una spa in 3 mosse
La Redazione del portale SoluzioniBio.it - dedicato ad Alimentazione Sana, Benessere e Stile di Vita, Prodotti Naturali e Bio, Cosmesi Naturale e Rimedi Naturali (quelli "della nonna", della nostra preziosa tradizione che non deve andare dispersa) - è composta da editori e giornalisti appassionati al tema del vivere bene fisico e psichico, seguendo il più possibile la Natura, evitando al massimo di intossicare il corpo e l'ambiente di vita con sostanze chimiche che portano con sé sempre degli effetti collaterali e nocivi.