Sindrome da stanchezza cronica: i sintomi subdoli che è meglio non sottovalutare

0
643

La sindrome da stanchezza cronica è un disturbo caratterizzato da una sensazione di stanchezza persistente e si tratta di una malattia subdola, in quanto si manifesta attraverso alcuni sintomi di natura insospettabile, come se avessimo un’eterna influenza. Dolori muscolari e mal di testa frequenti, sono solo alcuni dei disturbi secondari legati a tale patologia che come suggerisce il sito focus.it, “scoperta nel 1988, la sindrome da stanchezza cronica potrebbe interessare in Italia circa 300 mila persone, soprattutto giovani e donne”. 

E’ una malattia molto complessa, in quanto il senso di fatica persistente che la caratterizza è inspiegabile e assolutamente non curabile in alcun modo. Chi ne soffre, difatti, non riesce ad attenuarne l’intensità ne tramite il riposo, ne tantomeno tramite una corretta alimentazione, semplicemente deve imparare a conviverci, magari adottando strategie terapeutiche che possono in parte attenuarne i sintomi. Le cause restano ancora sconosciute, anche se i numerosi studi in merito hanno condotto i ricercatori a considerare possibili difetti del sistema immunitario come i principali responsabili della sua manifestazione. 

Oltre ai dolori e ai giramenti di testa frequenti, la sindrome da stanchezza cronica è caratterizzata anche da deficit di memoria e concentrazione, che potrebbero aggravarsi col tempo a tal punto da ridurre le attività lavorative e personali. Inoltre, come riportato su docgenerici.it, “i disturbi causati dalla fatica cronica, così come quelli determinati dalla sindrome della fatica cronica, si presentano spesso in associazione con altre malattie”, quindi, un intestino irritabile cosi come il diabete o l’ipotiroidismo, potrebbero esser tutti malanni legati a tale patologia, la quale diagnosi ricordiamo, è un processo macchinoso e lungo, che va per esclusione di altre malattie, ovvero caso per caso. 

Come accennato in precedenza, purtroppo ad oggi non esistono ancora cure specifiche, tuttavia, l’integrazione di vitamine del gruppo B sarebbe utile ai fini di ridurre appunto la stanchezza. Ovviamente anche uno stile di vita corretto e un alimentazione a base di alimenti freschi e biologici, giocano entrambi un ruolo fondamentale per contrastare in modo naturale questa sindrome. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCovid19, gli errori comuni che commettiamo ogni giorno
Articolo successivoI benefici incredibili dell’aceto che non conoscevi