Essere Ironman è questione d’intestino, gli effetti miracolosi del microbiota

0
639

Aiuta a combattere le malattie croniche

Esiste un gruppo di ricerca in America che studia da anni il nostro intestino.

Il Millennium Nucleus Biology of the Microbiota: Studia come un gruppo rilevante di batteri intestinali associati alla salute sono acquisiti, persistenti e trasmessi tra gli esseri umani

I batteri, i virus e i funghi che vivono nel nostro intestino svolgono un ruolo molto importante nella salute umana.

contribuiscono all’estrazione di nutrienti ed energia dal cibo e stimolano lo sviluppo del sistema immunitario.

C’è un grande interesse su questo argomento.

È stato rilevato che in patologie come obesità, diabete, cancro e altri, ha alterazioni nella sua composizione e diminuzione nella sua diversità.

Stimola il sistema immunitario

Il microbiota intestinale è l’insieme di batteri, virus e funghi che vivono nel nostro intestino e che svolgono un ruolo molto importante nella salute umana.

Questo microbiota contribuisce all’estrazione di nutrienti ed energia dal cibo, sintetizza le vitamine, stimola lo sviluppo del sistema immunitario e ci protegge dalle infezioni da agenti patogeni.

Il microbiota intestinale viene acquisito durante e dopo la nascita, un periodo in cui il neonato è esposto a diversi batteri dalla madre e dall’ambiente.

La composizione di questo microbiota è definita dal tipo di parto (normale o cesareo), dal microbiota della madre, dall’esposizione agli antibiotici e dalla prima alimentazione (latte materno o formula).

Da questo periodo e fino a 2 anni c’è una successione di batteri che popolano l’intestino, cominciando da quelli piû tolleranti all’ossigeno a quelli anaerobi (batteri che crescono in assenza di ossigeno).

La maturazione del microbiota inizia con l’introduzione dell’alimentazione solida.

Intorno i 6 mesi, poi la sua composizione si stabilizza, a partire da 2 anni, età in cui viene identificato un microbiota di composizione simile a quello di un adulto.

Incide sull’obesità, l’asma e problemi cardiocircolatori

C’è molto interesse per lo studio e la modulazione del microbiota, poiché è stato osservato che in diverse patologie come l’obesità, il diabete, malattie infiammatorie intestinali, asma, allergie, cancro e anche disturbi neurologici sono alterazioni nella composizione e la diversità declino o di alcuni tipi di microrganismi.

Il microbiota più abbondante e diversificato è quello che si stabilisce nella zona distale dell’intestino, che corrisponde al colon.

Il fattore principale che modula la composizione della flora batterica è la dieta e il tipo di batteri che è presente dipende in gran parte le sostanze nutritive che raggiungono il colon,  come carboidrati complessi come la fibra.

Il microbiota può anche essere modulato attraverso il consumo di prebiotici o di probiotici.

Un prebiotico è un substrato che viene usato selettivamente dai microrganismi ospiti e che conferisce benefici per la salute (Gibson et al., 2017).

Da parte loro, i probiotici sono microrganismi vivi che, se somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute dell’ospite (Hill et al., 2014).

Nei casi più gravi di microbiota compromessa, come nel caso del Clostridium, è possibile eseguire interventi terapeutici.

il trapianto di microbiota fecale,  si tratta di inoculare il microbiota intestinale di un parente sano per il paziente.

Ereditiamo i nostri batteri dai nostri avi

I batteri sono uno dei componenti del microbiota più abbondante e studiato fino ad oggi.

I batteri dei gruppi Bacteroidetes e Firmicutes sono i più abbondanti e possono costituire circa il 90% dei microrganismi presenti e svolgono un ruolo essenziale nella salute.

Uno studio su adolescenti ha mostrato che il microbiota, in media, è dominato da Firmicutes (43,6%) e Bacteroidetes (41,6%), seguito da altri gruppi meno abbondanti come Verrucomicrobia (8,5%), Proteobacteria (2,8%), Actinobacteria (1,8%) ed Euryarchaeota (1,4%) (Fujio-Vejar et al., 2017).

Come vengono acquisiti i batteri dominanti nel microbiota? Quali meccanismi sono coinvolti nella sua persistenza nell’intestino e nella sua trasmissione tra gli esseri umani?

Attraverso lo studio genetico è possibile risalire al proprio Microbiota e compiere un’analisi della sua origine come se fosse un’albero genealogico.

Questo ci permette di capire come rinforzarlo attraverso l’alimentazione e l’integrazione di nutrienti nella nostra dieta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here