A quale età cominciare a far lavare i denti ai nostri bambini?

0
417
A quale età cominciare a far lavare i denti ai nostri bambini

Quante volte ci siamo chiesti quando e se è ora di cominciare a far lavare i denti dei nostri bambini: tanto sono denti che cadono, ci diciamo, ma non è cosi.

Iniziare a lavare i denti entro il primo anno di vita, no a dentifrici sbiancanti o con troppo fluoro, e primo controllo dal dentista intorno ai 3 anni.
La salute dei denti va curata sin da piccoli per evitare più possibile problemi da grandi o in età matura (come ad esempio la parodontite).

A spiegarlo ai genitori è Luca Landi, presidente eletto della Società Italiana di Parodontologia (SIdP). E’ importante che i controlli inizino presto, più che altro sotto forma di gioco perché, suggerisce l’esperto, “portare per la prima volta dal dentista un bimbo già con mal di denti lo rende molto difficile da trattare”.
Ma quando è bene iniziare lavare i denti dei più piccoli?

Lavare i denti dei bambini

Lavare i denti ai bambini dal primo anno di età

“Già appena nascono gli incisivi inferiori, e non più tardi del primo anno di età, bisognerebbe lavarli due volte al giorno, con spazzolini molto piccoli e morbidi adatti ai neonati. Possono iniziare a lavarli da soli intorno ai 3 anni ma sempre sotto supervisione dell’adulto”. No a collutorio e sbiancanti, sì invece a dentifrici adatti alla loro età, con fluoro ridotto perché rischiano di ingerirlo.

Spazzolini elettrici dopo i 3 anni

Sì, dopo i 3 anni, anche a spazzolini elettrici con testine molto piccole che possono aiutare il bimbo, che ha una manualità inferiore. “Attenzione in qualsiasi caso alla spazzolatura: non deve essere traumatica per le gengive, perché potrebbe favorirne il ritirarsi”. Mentre l’addio al ciuccio va fatto il prima possibile, al massimo entro i 3 anni, perché “finché il bimbo lo tiene non impara a deglutire in modo corretto”.

Bambini che si lavano i enti con spazzolino elettrico

Perché aumentano le carie tra i bambini?

Genetica, dieta ricca di zuccheri e cattiva igiene orale sono alla base dello sviluppo delle carie, che non vanno sottovalutate, anche se spuntano sui denti da latte.

“La loro presenza sui dentini decidui – prosegue Landi – non solo può indicare una predisposizione familiare ma può determinare elevato rischio che si sviluppino anche sui denti permanenti, perché provocano un ambiente acido che abbassa il ph del cavo orale”.

Infine, conclude l’esperto, in caso di spostamento o rottura di un dente dovuta a trauma, “meglio andare dal dentista entro 4-6 ore, per valutare l’intervento più coretto da fare: il tempismo fa la differenza nel limitare le possibili conseguenze negative”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here