Ecco come gli agrumi possono rivelarsi utili per le pulizie domestiche

0
683

Se si è alla ricerca di una soluzione economica e multiuso per le pulizie di casa, non necessariamente si ci deve recare in un negozio di prodotti casalinghi, spesso l’inventiva sta a noi e a tal proposito, gli agrumi possono fare esattamente al caso nostro. Questi frutti sono infatti ricchi di acido citrico, un composto organico di origine vegetale che per quanto sia innocuo per noi, in realtà, nasconde un potenziale molto interessante e di cui ogni donna non potrà più farne a meno. 

Questo composto è versatile e può tranquillamente sostituire molteplici prodotti detergenti, in quanto se diluito con acqua, forma una soluzione dal pH acido e corrosiva che in effetti, si rivela davvero efficace per rimuovere lo sporco. Che siano incrostazioni di vario genere o calcare, se utilizzato in modo corretto, il composto non deluderà le aspettative in quanto ha anche proprietà antibatteriche, antiossidanti e disinfettanti che gioveranno sicuramente all’aspetto dei nostri ambienti. 

L’impiego di questa soluzione non prevede particolari precauzioni, fatta eccezione per alcuni piccoli accorgimenti, ad esempio evitarne l’impiego per la pulizia di superfici ‘delicate’ come il legno o il marmo. 

“È sconsigliato anche su tutte quelle superfici che non tollerano i prodotti acidi. Nel caso in cui vogliate utilizzarlo su vestiti e tessuti, diluitelo prima ed evitate assolutamente di versarlo in forma pura” come riportato dal sito tuttogreen.it.

Affinché il suo effetto sia certo e di facile utilizzo, il composto dev’essere reso liquido, tramite la preparazione di una soluzione che prevede l’ammollo di bucce di agrumi di vario genere (arance, limoni, mandarini, lime) in aceto bianco e trascorsi una decina di giorni circa, diluire con altrettanta acqua quanta è la quantità usata dell’aceto, quindi, inserirlo in un contenitore vuoto e utilizzare a proprio piacimento. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome sbiancare i denti con metodi del tutto naturali
Articolo successivoCeliachia, ecco come sport e cure naturali possono attenuarne i sintomi