Le proprietà dell’olio essenziale di lavanda

0
1437
olio di lavanda

L’olio essenziale di lavanda è un estratto dall’omonima pianta. E’ una delle essenze più utilizzate in aromaterapia per via dell’azione equilibratrice che riesce a donare al sistema nervoso.

L’essenza di lavanda è calmante. Per calmare nervosismo e agitazione, può essere utile il suo pungente aroma. A livello fisico, calma il mal di testa e libera le vie respiratorie.

E’ considerato un antibiotico e antisettico naturale, quindi è utile per trattare le comuni malattie da raffreddamento come la tosse e il raffreddore. Grazie all’azione antispasmodica poi, calma i dolori del ciclo mestruale. In erboristeria potete trovare specifici detergenti intimi naturali a base di lavanda, utili in caso di cistite.

E’ un cicatrizzante, utile sia in caso di ustioni sia in caso punture di insetti. Inoltre, allevia anche le irritazioni date dal pinzo di medusa. L’essenza può essere utilizzata, ad esempio, con un diffusore ambientale per prevenire insonnia e mal di testa.

Si rivela utile in un bagno tonificante. Servono poche gocce nell’acqua della vasca da bagno per alleviare i sintomi dei dolori reumatici, muscolari e articolari. Può essere utilizzato a livello locale per le piccole ustioni, le punture d’insetto o i massaggi addominali. E’ utile sapere, inoltre, che l’olio essenziale di lavanda non può essere assunto per via orale.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome si scongelano (bene) gli alimenti
Articolo successivoBurro di karitè: benefici per la pelle
La Redazione del portale SoluzioniBio.it - dedicato ad Alimentazione Sana, Benessere e Stile di Vita, Prodotti Naturali e Bio, Cosmesi Naturale e Rimedi Naturali (quelli "della nonna", della nostra preziosa tradizione che non deve andare dispersa) - è composta da editori e giornalisti appassionati al tema del vivere bene fisico e psichico, seguendo il più possibile la Natura, evitando al massimo di intossicare il corpo e l'ambiente di vita con sostanze chimiche che portano con sé sempre degli effetti collaterali e nocivi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here