Cornetto gelato: ecco perché non si dovrebbe mangiare la punta

0
2760

Con l’arrivo del caldo e delle belle giornate, concedersi un gelato di tanto in tanto è un vero piacere, sopratutto il cornetto gelato, la cui punta finale è decisamente la parte più deliziosa. Tuttavia, ciò che veramente in pochi sanno è che quella piccola parte, che racchiude al suo interno un gustoso cioccolato semisolido, in realtà è la più dannosa per la nostra salute: lo dice la scienza. Ma come è possibile? E’ facile immaginare come, comunque, qualsiasi prodotto dolciario possa incidere negativamente sulle proprie condizioni di salute ma per quanto riguarda la punta del cornetto gelato, tale incidenza è decisamente maggiore. 

Nello specifico, il cioccolato per l’appunto presente nella punta dei coni è colmo di grassi poco salutari, ovvero i cosiddetti grassi saturi. Come suggerisce il sito lacucinaitaliana.it, “lo ha spiegato il chimico Bert Weckhuysen, dell’università di Utrecht. Per evitare che il cioccolato si sciolga completamente prima che venga raggiunto da chi sta gustando il gelato, i produttori hanno dovuto cambiare il punto di fusione: ci sono riusciti ricorrendo a un processo chiamato idrogenazione, che comporta l’aggiunta di una molecola di di idrogeno a un altro composto, in questo caso, il cioccolato. Il vero problema è che questo processo trasforma i grassi insaturi in grassi solidi e quindi gli acidi grassi insaturi diventano saturi”. 

Per tanto, ogni qual volta che ingeriamo una punta del cornetto gelato, assumiamo le stesse sostanze dannose che sono presenti nella maggior parte dei più ‘pericolosi’ prodotti industriali. Queste sostanze, sono per l’appunto molto pericolose per il nostro sistema circolatorio e stando a quanto riportano i dati dell’Oms, sia adulti che bambini non dovrebbero superare il 10% delle calorie giornaliere sottoforma di grassi saturi. I medici e gli esperti di alimentazione consigliano una dieta con prevalenza di grassi insaturi perché più leggera e più digeribile. I grassi saturi, invece, sono difficili da metabolizzare e possono causare un aumento del colesterolo con la naturale conseguenza di una maggiore predisposizione a malattie cardiovascolari” come riporta cefalunews.org

Dunque, la prossima volta che si sarà il desiderio di mangiare un gustoso gelato, meglio evitare questo tipo di prodotto e se proprio non se ne può fare a meno, allora (a malincuore) è bene evitare di consumarne la famigerata punta al cioccolato, ne va di mezzo la propria salute. Meglio prediligere gelati alla frutta e contenenti pochi grassi e conservanti, quindi in linea di massima, i gelati fischi e realizzati in maniera artigianale sono senza ombra di dubbio i migliori. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome avere mani sempre curate grazie alla manicure a base di succo di limone
Articolo successivoLa digitopressione: di che si tratta e come funziona