Gli insetti sono il cibo del futuro, che siano anche il segreto per salvare il pianeta?

0
379

I grandi allevamenti intensivi di bestiame, la perdita di biodiversità, la deforestazione e, naturalmente, il cambiamento climatico. Queste sono alcune delle cause più importanti della degenerazione del suolo. Pertanto, i ricercatori dell’Università di Tufts di Boston (USA) hanno sviluppato uno studio.  Hanno spiegato come le diete a base vegetale, la coltivazione di insetti, la carne di laboratorio e gli animali geneticamente modificati potrebbero essere soluzioni per salvare il pianeta .

Uno studio rivoluzionario sulla coltivazione d’insetti

Nello studio, pubblicato su Frontiers in Sustainable Food Systems, i ricercatori hanno affermato che “è vitale sviluppare metodi di produzione di cibo più sostenibile “.

La coltivazione di insetti, quindi, è un’alternativa perché ha un fabbisogno di acqua e spazio molto inferiore.  Ma a tale vantaggio, è contrario al fatto che gli insetti sono più difficili da mangiare per i consumatori.

La carne coltivata in laboratorio, nel frattempo, potrebbe influenzare l’acqua e risparmiare spazio senza compromettere il gusto.  Tuttavia, coltivare carne di manzo, maiale o pollo potrebbe richiedere più energia e risorse rispetto all’allevamento di bestiame.

Una soluzione – ha spiegato l’autrice principale dello studio, Natalie Rubio – si trova all’incrocio di tutte queste opzioni.  Carne di insetto coltivata in laboratorio, nutrita con piante e geneticamente modificata per avere la massima crescita, nutrizione e sapore.

“Rispetto alle cellule coltivate di mammiferi, uccelli e altri vertebrati, le colture di cellule di insetto richiedono meno risorse e meno controllo ambientale.  Hanno un fabbisogno di glucosio inferiore e possono prosperare su un più ampio intervallo di temperatura, pH, ossigeno e condizioni di osmolarità “, ha aggiunto.

La produzione sintetica di proteine dagli insetti è più semplice  e meno costosa

Inoltre, le alterazioni necessarie per la produzione su larga scala sono anche più facili da ottenere con le cellule di insetto.  Queste infatti sono attualmente utilizzate per la produzione di insetticidi, farmaci e vaccini.

Nella maggior parte dei sistemi di coltura di cellule muscolari di mammiferi, le cellule devono essere fissate in un singolo strato su una superficie in crescita. È una procedura complessa per aumentare la produzione di massa di cibo.  Tuttavia, molte cellule di insetti possono crescere liberamente fluttuando in una sospensione di terreni di crescita per consentire la generazione di cellule ad alta densità e convenienti.

La tecnologia sviluppata per stimolare il movimento del tessuto d’insetto per i biorobotici potrebbe anche essere applicata alla produzione di cibo.  Potrebbe essere necessaria una contrazione regolare affinché il muscolo di insetto coltivato sviluppi una trama “carnosa”.

Un metodo particolarmente efficiente è l’ingegneria optogenetica, in cui le cellule si contraggono in risposta alla luce introducendo un nuovo gene, un altro vantaggio delle cellule di insetto, che accettano le modificazioni genetiche più facilmente di altre cellule animali.

E il gusto?

Sul sapore che questi alimenti avranno, l’autore dello studio riconosce che non ci sono ancora dettagli precisi. “Nonostante questo immenso potenziale, la carne coltivata di insetti non è pronta per il consumo”, ha detto.

La ricerca è in corso per padroneggiare due processi chiave: il controllo dello sviluppo delle cellule di insetto nei muscoli e nei grassi e la combinazione di questi in colture 3D con una struttura simile alla carne. Per quest’ultimo, afferma, “le spugne fatte di chitosano (una fibra derivata da funghi che è presente anche nell’esoscheletro degli invertebrati) sono un’opzione promettente”.

Inoltre, i progressi nella coltivazione di cellule di insetto e ingegneria tissutale “possono potenzialmente tradursi in aragoste, granchi e gamberetti, a causa della vicinanza evolutiva di insetti e crostacei”, ha concluso Rubio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAttenti alle prime scottature, bisogna mettere sempre il doposole
Articolo successivoLa tisana perfetta per alleviare i fastidi della cistite

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here