Intossicazione da mercurio, limiti massimi

0
1051

Sono due i motivi principali per cui il pesce può essere contaminato dal mercurio. Può essere una causa naturale, come il meccanismo che porta all’erosione del terreno da parte del mare,  oppure una causa innaturale legata all’inquinamento prodotto dall’uomo e all’attività industriale.

Gli animali marini, entrando  in contatto con questa sostanza, la assimilano e la trasformano in metilmercurio.

Il metilmercurio viene assorbito dall’uomo attraverso il consumo di pesce sotto forma di mercurio bidisponibile. La sostanza entra in circolo e si diffonde nostri organi, in particolar modo a livello nervoso. Ed ecco che entra in gioco l’azione tossica.

Il mercurio nel pesce, quando presente in grandi quantità, può provocare lesioni a livello neurologico. Negli anni 50 in Giappone, le persone, consumando pesce pescato in un’acqua contaminata, si ammalarono gravemente e si decise di prendere alcune precauzioni.

Ora gli alimenti sono molto più controllati e il limite massimo di tolleranza al metallo va da 0.5 a  1 mg di mercurio per kg di pesce.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFumare in gravidanza: i danni al feto
Articolo successivoCome cucinare il farro perlato
La Redazione del portale SoluzioniBio.it - dedicato ad Alimentazione Sana, Benessere e Stile di Vita, Prodotti Naturali e Bio, Cosmesi Naturale e Rimedi Naturali (quelli "della nonna", della nostra preziosa tradizione che non deve andare dispersa) - è composta da editori e giornalisti appassionati al tema del vivere bene fisico e psichico, seguendo il più possibile la Natura, evitando al massimo di intossicare il corpo e l'ambiente di vita con sostanze chimiche che portano con sé sempre degli effetti collaterali e nocivi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here