Problemi digestivi o disturbi intestinali, come contrastarli con metodi naturali

0
785

Mangiare è una necessità di fondamentale importanza per la vita dell’uomo, ci basti pensare che nel corso dei secoli il nostro organismo ha subito innumerevoli cambiamenti correlati all’alimentazione, per far fronte a diversi climi e diversi ambienti, tuttavia, nutrirsi non è mai stato solo un istinto ma anche un vero piacere, difatti, la soddisfazione che si prova nell’addentare uno dei nostri cibi preferiti è una sensazione ineguagliabile, vero? Purtroppo, però, capita che a volte un eccessivo consumo di cibo, soprattutto adesso che siamo in un periodo di festività oppure alcuni additivi chimici contenuti all’interno di alcuni alimenti, si rivelino causa di problemi digestivi con conseguenti sintomi molto fastidiosi come la sensazione di pesantezza, bruciore di stomaco, stanchezza oppure eccessiva sonnolenza. 

In gergo medico questi disturbi sono riconosciuti come Dispepsia, della quale, secondo alcuni dati statistici, ne soffre il 40% degli italiani ed è prettamente legata alle abitudini alimentari di ognuno di noi. Vi sono a tal proposito, alcuni alimenti, molto apprezzati e noti in ambito erboristico che grazie alle loro proprietà, si rivelano molto utili per combattere la cattiva digestione, favorendo il benessere metabolico. 

Primo tra tutti è senza ombra di dubbio il finocchio, un ortaggio ricco di sali minerali e dal basso contenuto calorico, dato che è composto prevalentemente di acqua; “ha molte importanti proprietà a favore dell’apparato digerente: digestivo ed antispastico intestinale. Infine, è un buon diuretico, quindi depurativo ed un antisettico. Di questo ortaggio in tavola si può utilizzare tutto, sia il bulbo che le foglie dal caratteristico profumo aromatico.  Anche i semi di finocchio, masticati a fine pasto, svolgono un’efficace azione digestiva” come riporta il sito benesserecorpomente.it

Anche il bicarbonato, se unito al limone, si rivela un vero toccasana contro i reflussi gastrici, questo grazie al pH alcalino contenuto in esso e che riduce la quantità di acidi prodotti dal nostro stomaco, effetto per l’appunto potenziato dall’aggiunta di succo del limone. Basterà versare un cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere colmo d’acqua, aggiungere qualche goccia di limone e il nostro digestivo naturale sarà subito pronto. Per precauzione, si consiglia di non abusare degli effetti digestivi del bicarbonato, in quanto potrebbe causare una eccessiva ritenzione idrica o un aumento anomalo della pressione sanguigna. 

In fine, quale miglior spezia se non lo zenzero si potrebbe mai aggiudicare il podio come miglior digestivo naturale? “La polvere di zenzero per uso orale è infatti in grado di stimolare i normali movimenti peristaltici di stomaco e intestino (effetto procinetico)” come scritto sul sito my-personaltrainer.it, per tanto, al termine di ogni pasto basterà assumerne una piccola quantità affinché si favorisca una corretta digestione, lasciando inoltre una sensazione di freschezza e aroma intenso in bocca. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteProblemi di eccessiva sudorazione, come gestirli con rimedi naturali
Articolo successivoSinusite, come guarire grazie a questi rimedi casalinghi