Tumori cutanei: come riconoscerli e i sintomi caratteristici

0
653

Sono diversi e tra i tumori più diffusi in assoluto quelli che riguardano la pelle e alcuni tra questi (specie il melanoma) si caratterizzano per la loro forma, la quale ricorda spesso quella di un comune neo. Molti tra questi sono più aggressivi, altri meno, tuttavia, se individuati e riconosciuti per tempo tutti possono esser trattati e guariti nella quasi totalità dei casi, per tanto, sarebbe bene conoscerne i sintomi e le caratteristiche. Ad esempio, “il principale fattore di rischio per il melanoma cutaneo è l’esposizione eccessiva alla luce ultravioletta, che arriva fino a noi sotto forma di raggi UVA e UVB, ed è principalmente veicolata dai raggi del sole. Esporsi troppo al sole rappresenta un pericolo, perché può danneggiare il DNA delle cellule della pelle e innescare la trasformazione tumorale” come riporta il sito airc.it

Il segnale più comune della manifestazione di un melanoma cutaneo è spesso dato da un cambiamento dell’aspetto di un neo o dalla comparsa improvvisa di uno nuovo. La forma, in particolare, ci da molte indicazioni in merito alla pericolosità o meno di un neo, difatti, un neo benigno, di solito ha una forma circolare, mentre un melanoma di norma ha una forma asimmetrica o comunque irregolare. Anche il colore e le dimensioni, se variabili, possono indicare l’evoluzione progressiva di un tumore: diverse sfumature all’interno del neo o variazioni improvvise sia in larghezza che in spessore di quest’ultimo, sono ambi chiari segnali d’allarme. 

Per quanto riguarda i sintomi caratteristici, nella maggior parte dei casi, si  manifestano solo quando il tumore è già in una fase avanzata del suo sviluppo e di solito sono: una forte sensazione di prurito, formazione di macchie sulla pelle e ulcere cutanee (spesso dolorose). Ad ogni modo, come suggerito su Ohga.it, “Il consiglio fondamentale per prevenire i tumori della pelle è uno e uno solo: prendi il sole con le dovute precauzioni! Evita per esempio l’esposizione ai raggi ultravioletti nelle ore centrali della giornata (dalle 11 alle 16) e mettiti una crema solare protettiva adeguata, anche più volte al giorno”. 

Inoltre, è di fondamentale importanza fare periodicamente un auto-esame della propria pelle, ai fini monitorare e controllare eventuali cambiamenti anomali. A tal proposito, un medico saprà indicare quale può esser la miglior cura per un tumore cutaneo che di solito, consiste nell’asportazione chirurgica o nella crioterapia, quindi nel bruciare le cellule tumorali con il freddo. Questo si rivelerà utile ai fini di scongiurare il rischio di cure tramite chemioterapia o radioterapia, ambe nocive e causa di svariati effetti collaterali. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome eliminare i capelli bianchi con questi rimedi naturali
Articolo successivoGli alimenti nocivi per il cervello