Differenza tra olio di CBD e olio di cannabis e loro benefici

0
325

Con oli di cannabidiolo (CBD) che si possono trovare su una moltitudine di siti web, oli di canapa venduti nei supermercati e una legislazione molto complessa che regola la cannabis in Europa, è comune perdersi tra molte informazioni contrastanti. 

Sebbene entrambi presentino virtù molto interessanti per l’organismo, sono tuttavia molto diversi. Per poter sfruttare appieno i loro vantaggi, è importante comprenderne le differenze. Dopo aver spiegato le differenze tra canapa oil and CBD oil, descriveremo in dettaglio i loro usi principali e le loro rispettive virtù. 

Olio di canapa e olio di CBD: le differenze 

La loro principale differenza è legata al processo di fabbricazione. Infatti, sebbene provengano entrambi dalla stessa pianta, la Cannabis Sativa L, non provengono dalle stesse parti della pianta. L’olio di canapa è un olio vegetale ottenuto dai semi della pianta di cannabis, chiamati semi di canapa, che vengono spremuti a freddo. A differenza dell’olio di CBD, non contiene principi attivi (fitocannabinoidi, terpeni, flavonoidi). Questi ultimi, presenti nel fusto e nelle foglie in piccolissime quantità, si trovano principalmente nei fiori e più precisamente nei tricomi, piccoli microscopici cuscini contenenti una resina viscosa particolarmente ricercata per uso terapeutico. 

A differenza dell’olio di canapa, l’olio di CBD si ottiene per estrazione. Questo complesso processo permette di separare i principi attivi dal materiale vegetale. Per ottenere un livello massimo di CBD, è necessario prima selezionare varietà il cui chemiotipo è il più interessante; nel caso specifico si selezionano varietà con un alto livello di CBD e un basso livello di THC. 

I principali usi dell’olio di canapa e le sue virtù

L’olio di canapa, utilizzato sia in cucina che in cosmesi, può essere utilizzato come integratore alimentare per le sue molteplici virtù. È considerato un alimento funzionale o un superfood, cioè un alimento i cui apporti superano la semplice nutrizione. È ricco di: 

carotene: ha un effetto antiossidante catturando i radicali liberi e quindi aiuta a combattere l’invecchiamento cellulare;

vitamina E: ha un effetto antiossidante simile al carotene;

vitamine B1 e B2: partecipano alla produzione di energia, alla crescita cellulare e promuovono il metabolismo dei carboidrati (B1) e dei lipidi (B2);

proteine ​​della canapa: sono una fonte di proteine, hanno un effetto defaticante e protettivo sui reni e migliorano l’immunità;

acidi grassi saturi omega 6 e 3: partecipano allo sviluppo e alla protezione cellulare, al funzionamento della retina, del cervello e del sistema nervoso, forniscono un apporto energetico, promuovono la riduzione dell’ipertensione arteriosa e dei livelli ematici di trigliceridi;

fosforo: assicura la forza ossea, partecipa all’immagazzinamento e al rilascio di energia oltre a mantenere l’equilibrio acido-base nel sangue;

potassio: aiuta a mantenere l’equilibrio del pH, favorisce una buona attività neuronale, la salute di ossa e muscoli, aumenta le funzioni cognitive e previene il rischio di ictus;

magnesio: favorisce la tenuta dei denti, delle ossa e della loro forza, previene l’osteoporosi, i disturbi della contrazione muscolare, i rischi cardiovascolari (ipertensione, fibrillazione atriale, ecc.), il diabete di tipo 2, i calcoli renali e stimola il rilascio di serotonina.

I principali usi dell’olio di CBD, le sue virtù

L’olio di CBD si trova in una moltitudine di prodotti: olio sublinguale, caramelle, cioccolato, capsule o creme cosmetiche. Il meccanismo d’azione del CBD è in parte noto fino ad oggi. Interagisce indirettamente con i recettori del sistema endocannabinoide (CB1 e CB2) ma anche con altri recettori come l’adenosina o la serotonina. Questo potrebbe spiegare perché è interessante per un gran numero di sintomi molto diversi. 

Alcune delle sue applicazioni medicinali sono state scientificamente provate nei cosiddetti studi di tipo RCT, ovvero in doppio cieco, controllati con placebo ed estesi al modello umano. Altri sono stati notati solo durante i cosiddetti studi osservazionali o aneddotici o anche solo testati su modelli animali. Questi non sono sufficienti per affermare le virtù del CBD e richiedono più ricerca clinica. 

Le proprietà provate e riconosciute fino ad oggi sono: 

anticonvulsivante: in patologie come l’epilessia;

oressizzante e antiemetico: nelle cure di supporto in oncologia e nelle cure palliative;

azione sulla spasticità: in patologie come la sclerosi multipla.

Proprietà che richiedono ulteriori studi clinici, ma i cui risultati sono già molto promettenti in tal caso: 

neuroprotettivo: azione protettiva sui neuroni e sulla degenerazione del sistema nervoso: in caso di trauma o patologia di tipo demenziale; 

psichiatrico: azione ansiolitica, antipsicotica, antidepressiva, contro i disturbi del sonno e nel trattamento delle dipendenze grazie al suo effetto cosiddetto “anticraving”;

–  antinfiammatorio: azione sul dolore e su patologie di origine infiammatoria come il morbo di Crohn;

antiossidante, che cattura i radicali liberi (molecole instabili che attaccano direttamente le cellule dell’organismo, favorendone l’invecchiamento);

antibatterico;

– uso nell’asma grazie al suo effetto broncodilatatore;

– uso nella patologia del Parkinson promuovendo l’equilibrio dopaminergico nel cervello;

– uso nell’osteoporosi favorendo la crescita ossea

Infine, l’olio di CBD aiuta anche a ridurre gli effetti collaterali indotti dal THC e in particolare il suo effetto inebriante, la tachicardia e l’ansia. Aiuta anche a potenziare i benefici del THC, cioè a potenziarne gli effetti in patologie come la sclerosi multipla. 

In conclusione, l’olio di canapa e l’olio di CBD sono molto diversi, per la loro origine e le loro proprietà. Diluire l’olio di CBD  nell’olio di canapa  consente loro di combinare le loro virtù. Così puoi goderti il ​​profilo superfood dei semi di canapa e i potenziali benefici terapeutici del CBD. 

CONDIVIDI
Articolo precedentePiante e spezie dalle proprietà afrodisiache per risvegliare la tua libido