Insonnia: il 18 marzo è Giornata Mondiale del Sonno

0
1211

Insonnia: ‹‹Chi dorme non piglia pesci›› ci ripetevano i nonni. Vero, ma non bisogna neanche dormire troppo poco. In questi ultimi anni il tempo che dedichiamo per dormire si è ridotto drasticamente. Almeno 9 milioni di italiani soffrono di  insonnia cronica. Negli ultimi 50 anni abbiamo perso circa 2 ore di sonno giornaliero.

Il sonno, in realtà, è fondamentale per scongiurare varie malattie e per le nostre attività sociali.

Non dormire il numero adeguato di ore provoca un deficit di concentrazione e di memoria, oltre a disturbi dell’umore. Inoltre contribuisce a problemi legati all’obesità, al diabete, all’ipercolesterolemia, alla depressione ed è legata a infarto e ictus.

L’insonnia è un problema che accomuna grandi e piccini. Nei bambini, la carenza di sonno può provocare difficoltà di socializzazione e di alimentazione. Inoltre, la mancanza di sonno e  deficit nello sviluppo psicofisico vanno di pari passo.

A vedere i dati oltre il 45% della popolazione soffre di insonnia acuta o transitoria. Come spiega Pierluigi Innocenti, neurologo e presidente dell’Associazione scientifica per la cura dei disturbi del sonno (Assieme),  in giornate sempre più lunghe e fitte di impegni ‹‹la necessaria attenzione al sonno è sempre più carente perchè considerato come un momento di ‘vita perso’. Molte importanti funzioni invece si svolgono prevalentemente durante il sonno, come la produzione di alcuni ormoni e il consolidamento della memoria››. E dunque non ci resta che ricordare il 18 marzo, la Giornata Mondiale per il Sonno, con una lunghissima dormita.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva la primavera, arriva la cefalea.
Articolo successivoEarth Hour: un’ora di buio per salvare il pianeta
La Redazione del portale SoluzioniBio.it - dedicato ad Alimentazione Sana, Benessere e Stile di Vita, Prodotti Naturali e Bio, Cosmesi Naturale e Rimedi Naturali (quelli "della nonna", della nostra preziosa tradizione che non deve andare dispersa) - è composta da editori e giornalisti appassionati al tema del vivere bene fisico e psichico, seguendo il più possibile la Natura, evitando al massimo di intossicare il corpo e l'ambiente di vita con sostanze chimiche che portano con sé sempre degli effetti collaterali e nocivi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here