Lavarsi il viso, gli errori da non fare per non rovinare la pelle

0
3482
Lavarsi il viso, gli errori da non fare per non rovinare la pelle

Lavarsi il viso: uno dei riti quotidiani più semplici che ci siano. Almeno apparentemente, perché in realtà, un gesto tanto banale, viene a volte compiuto nel modo sbagliato, irritando la pelle al punto da renderla troppo secca, oppure eccessivamente untuosa o da causare brufoli e sfoghi cutanei.
Tutti problemi che potrebbero essere evitati, imparando a riconoscere gli errori assolutamente da evitare.

lavarsi il viso, gli errori da non commettere

Come scegliere il sapone detergente

Il sapone non deve essere troppo aggressivo, non deve pulire eccessivamente la cute, eliminandone il film lipidico di acqua e sebo, necessario a creare una barriera che impermeabilizza la pelle.

Non lavarsi troppo

A meno di circostanze particolari (ovvero, se si usano creme solari e trucco o si suda molto), lavarsi più di due volte al giorno può finire per irritare la pelle, rendendola, paradossalmente, ancora più unta. Ragion per cui, a volte conviene saltare l’appuntamento serale con il detergente, sostituendolo con della semplice acqua tiepida per dare un break alla pelle.

Come dev’essere l’acqua

Un luogo comune diffuso, ma sbagliato, sostiene che l’acqua calda apra i pori e che quella fredda li richiuda. In realtà, i pori non hanno affatto questa capacità apri-e-chiudi e anche se l’acqua calda può avere un effetto piacevole sulla pelle, usarla in abbinamento a un prodotto detergente rischia di “sciogliere” il sebo. Occorre utilizzare sempre l’acqua tiepida, che deterge delicatamente ma in modo efficace.

acqua tiepida per lavare il viso

Scrub naturali, ma non troppo spesso

Esfoliare la pelle è senz’altro una buona abitudine per liberarla dalle cellule morte, ma non bisogna esagerare: via libera dunque agli scrub naturali (a base di acidi della frutta) da applicare con le dita anziché con un panno, per non tirare troppo la pelle e da usare non più di 2-3 volte a settimana.

Attenzione alle zone più trascurate del viso

Affrettare l’operazione, perché la mattina si è in ritardo o, per contro, la sera si è stanchi morti, non è mai saggio, perché così facendo si lasciano residui di prodotto e di sporco che ostruiscono i pori e seccano la pelle.
Le zone del viso più trascurate sono la mascella, l’attaccatura dei capelli e i contorni del naso. Una volta che la pelle è completamente asciutta, per la crema o il siero idratante, diventa più difficile raggiungerne gli strati più profondi e il viso appare così unto ed appiccicaticcio.