Metti un cactus in casa o in ufficio e scopri il suo potere terapeutico secondo il feng shui

0
332

I cactus sono piante grasse molto apprezzate dal punto di vista ornamentale, questione di gusti, ma se anche non vi piacessero, fareste bene a farvelo piacere. A quanto pare sono terapeutici. A dirlo è il Feng Shui, da “vento”(feng) e “acqua”(shui), l’antica disciplina giapponese che insegna a vivere in armonia con gli ambienti domestici, rendendoli un luogo di benessere fisico e mentale. Per riuscirci, il Feng Shui lavora sul QI, l’energia vitale, cercando di equilibrare le energie dell’ambiente abitativo con quelle della natura. Per non parlare del suo effetto benefico in ufficio.

Qual è il potere del cactus

Ma in che modo i cactus, secondo questa famosa disciplina, contribuiscono ad armonizzare gli ambienti domestici? Da un lato grazie alla loro energia “Yang”, condivisa con tutte le piante, a cui si attribuiscono la capacità di pulire casa e di neutralizzare le energie negative, dall’altro grazie alle spine. Queste ultime servirebbero infatti a proteggere l’ambiente da interferenze esterne indesiderate o negative. E il loro potere è tale da garantire la stessa protezione a chi vive nei paraggi. Insomma, il cactus simbolicamente è assimilabile a un vero e proprio guardiano! In più, le spine incoraggiano le persone ad andare oltre i propri limiti e insegnano l’importanza dei no, quando necessari.

Un’ulteriore qualità del cactus la si deve all’acqua che immagazzina al suo interno. L’acqua, nel Feng-shui, è uno dei cinque elementi fondamentali, simbolo dei sentimenti, di morte e rinascita, permeata di energia Yin. Passiva, ricettiva, purificante, adattabile, resistente, è molto forte anche se appare debole. Simbolicamente è associata al flusso della vita, dei pensieri e delle parole, all’inconscio e all’interiorità. Ecco allora che il cactus, contenendo grandi quantità di questo elemento, ci aiuta a familiarizzare con la nostra forza interiore e con le nostre emozioni.

Non solo a casa, il cactus “fa bene” nei luoghi di lavoro

Ma proprio in virtù del suo immenso potere, è una pianta “a doppio taglio”, non a caso considerata da alcune tradizioni popolari di cattivo auspicio. Difatti le spine assomigliano a piccole frecce appuntite, che “sparano” energia in modo diretto nello spazio circostante. E che, di conseguenza, possono provocare uno stato di irritabilità. Per questo la pianta non va collocata vicino a parti del corpo delicate, per esempio in corrispondenza del viso, oppure di fronte al divano o a una poltrona. D’altra parte, se in ufficio protegge dalle radiazioni dei dispositivi elettronici, è meglio posizionarla a terra e non sul tavolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here