Consigli e rimedi naturali per pulire il forno

0
1088

Quando il forno è sporco e incrostato si sa, non è mai facile pulirlo e farlo brillare senza alcuna fatica; a tal proposito, molti dei prodotti reperibili in commercio sono nocivi o comunque inquinanti e spesso risultano poco efficaci: se non utilizzati con le giuste precauzioni le loro inalazioni sono tutt’altro che benefiche, cosi come le eventuali tracce che si lasciano all’interno dell’elettrodomestico. Eppure, un tempo, non esistevano prodotti chimici utili per la pulizia del forno, ci si doveva ‘arrangiare’ con ciò che si aveva e i risultati erano assolutamente perfetti anche senza spenderci letteralmente un soldo, rivelandosi per tanto come i migliori rimedi dall’azione sgrassante, ecologici e biodegradabili. 

Uno dei migliori prodotti naturali per la pulizia del proprio forno lo si può ottenere miscelando della semplice acqua, bicarbonato e sale grosso, fino che non si ottiene un composto denso e cremoso; “il composto va disposto su tutta la superficie all’interno del forno con un panno e così va lasciato agire per un’ora. Trascorso questo tempo, sarà sufficiente risciacquare il tutto ed il gioco è fatto: il forno sarà splendente e ben disincrostato. Se la parte del vetro non è ben luminosa o ha ancora piccole incrostazioni si può ripetere l’operazione solo su quella parte. Questa volta al composto va aggiunto, anziché l’acqua, del detersivo per i piatti ecologico” come suggerisce pgcasa.it

Un altra valida alternativa la si può trovare nell’aceto, un prodotto naturale dall’azione sgrassante per eccellenza. Tutto ciò che bisognerà fare per pulire il proprio forno con l’aceto, sarà portare l’elettrodomestico alla temperatura di 140° C e nel frattempo portare ad abolizione dell’acqua alla quale poi dovrà esser aggiunto l’aceto; una volta fatto questo, basterà mettere (a forno spento) una bacinella contenente la soluzione ottenuta al suo interno ed attendere mezz’ora circa. “Il vapore si andrà a depositare sulle incrostazioni, ammorbidendole. In questo modo sarà più facile rimuoverle: spegnete il forno e lasciatelo raffreddare. Infine, usate un panno umido per togliere le impurità” come scrive ilgiornaledelcibo.it

In fine, nel caso non dovessero esserci incrostazioni particolarmente evidenti e persistenti, una semplice soluzione a base di acqua e limone rimuoverà lo sporco lasciando il forno pulito e lucente, oltre che profumato. Per fare questo, occorrerà impostare la temperatura dell’elettrodomestico a 180°C, lasciando al suo interno una teglia dai bordi alti con al suo interno un filo d’acqua e il succo di 3 limoni; trascorsi 30 minuti (circa), tutto ciò che basterà fare sarà rimuovere con un panno umido lo sporco dalle pareti, aiutandosi con la soluzione al limone rimanente e con un raschietto. 

z

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaskne o acne da mascherina: i consigli per prevenirla
Articolo successivoVene varicose, cosa c’è da sapere e rimedi naturali