Ecco cosa succede se applichi del miele sugli occhi

0
1973

Il miele è uno di quei prodotti antichi le cui proprietà vengono da sempre sfruttate non solo per la salute ma anche per la cosmesi naturale. Non a caso viene chiamato anche “oro liquido” e vanta moltissimi benefici per la pelle, difatti, è ricco di vitamine ed enzimi naturali che si rivelano utili per trattare la pelle grassa; inoltre, grazie alla sua azione detergente è in grado di eliminare le tossine e di prevenire l’acne, oltre che fungere da antiossidante contro l’invecchiamento cutaneo. Ma cosa succede se lo si applica sui propri occhi tutte le sere, prima di andare a dormire? Indubbiamente renderà la propria vita meno amara, ma non a causa delle sua dolcezza. 

Come suggerisce il sito suoggi.com, “sebbene non sia così popolare nelle culture occidentali, l’Ayurveda e altre tradizioni di guarigione naturale usano il miele da secoli per curare le condizioni di salute degli occhi. Alcune persone usano persino il miele per provare a cambiare gradualmente il colore dei loro occhi, anche se non ci sono ricerche per dimostrare che funzioni”. Ad ogni modo, il miele, se applicato localmente sulle palpebre, si rivela utile per ridurre infiammazioni ed irritazioni di vario tipo, grazie alle sue straordinarie proprietà antimicrobiche, cicatrizzanti e lenitive. E’ perciò un prodotto naturale sorprendentemente efficace per trattare diverse condizioni degli occhi. Ma come fare per sfruttarne le sue capacità al meglio? 

Innanzitutto, è bene premettere che il miele che bisognerebbe utilizzare dev’essere possibilmente biologico, quindi non trattato o pastorizzato. Detto ciò, si può scegliere di applicare direttamente qualche goccia di miele direttamente sulle proprie palpebre, lasciandolo agire per mezz’ora circa (prima di sciacquare il tutto), altrimenti, come riportato su udinetoday.it, “basta scogliere tre cucchiai in mezzo litro di acqua e poi lavarsi il viso con la soluzione. Oppure, si può utilizzare per un impacco freddo sugli occhi”. Cosi facendo, in linea di massima, si possono trattare diversi infezioni batteriche degli occhi, come la congiuntivite ad esempio, oppure anche alcune condizioni croniche che tendono a manifestarsi con l’arrivo delle allergie stagionali. 

Ma non solo per combattere batteri e allergie: il miele lo si può utilizzare anche come cosmetico naturale per migliorare in generale le condizioni della propria pelle. A tal proposito, può limitare l’umidità e ammorbidire lo strato superiore del derma, contribuendo cosi a ridurre i segni dell’invecchiamento. Inoltre, se miscelato con una soluzione salina a base di acqua calda e olio di cocco, lo si può applicare nella zona sottostante e intorno agli occhi per rassodare la pelle e ridurre cosi l’eventuale presenza di rughe. Non ci rimane che provare!

CONDIVIDI
Articolo precedenteNespole: il frutto che fa bene all’intestino e al fegato
Articolo successivoAcido Ialuronico: a cosa serve e come utilizzarlo