4 verdure autunnali poco conosciute dalle eccellenti proprietà

0
412
cavolo nero

Le verdure autunnali portano con sé una brezza di felicità, i colori della natura, il desiderio di affrontare una nuova stagione fredda con sapori avvolgenti, caldi e confortevoli, che ci accompagnino fino l’inverno.

Il desiderio di benessere aumenta, anche per far fronte al calo delle temperature, così come la voglia di piatti caldi quali zuppe, minestroni, risotti e ricette da forno.

A nostra disposizione, da ottobre e per tutto l’autunno, una straordinaria varietà di ortaggi, molti dei quali sconosciuti ai più.

Ecco quali sono, per realizzare delle ricette non scontate e gustose, gli ortaggi di stagione meno noti.

ricetta autunno

Cavolo nero toscano

Il cavolo nero è una verdura a foglia verde, autunnale e invernale, considerata una preziosa fonte di potassio, calcio e vitamina C. Il cavolo nero è l’ortaggio base della ribollita toscana, ha un sapore più intenso del cavolo bianco o del broccolo romanesco, ed è ottimo anche ripassato in padella.

Topinambur

Tipico del Piemonte, il topinambur è un tubero che esiste in due varietà: quella bianca che si trova fino a fine agosto, e quella bordeaux che è disponibile da ottobre in poi. Questo tubero di origine americana ha una consistenza che ricorda le patate e un sapore che ricorda il carciofo.
In Piemonte i topinambur vengono serviti crudi da intingere nella bagna cauda, ma sono amati soprattutto trifolati, saltati in padella con il burro, in forma di purea o da aggiungere a vellutate e polpettoni. Fuori dal Piemonte si possono usare anche a fettine sottili, fritte come fossero chips di patate.

broccolo

Broccolo romanesco

Il broccolo romanesco, come il cavolo toscano, è di origine povera ma di sapore ricco e delicato, a metà strada tra quello del broccolo comune e del cavolfiore. Una specialità della cucina romana, molto apprezzata, semplice ma deliziosa, è la pasta con i broccoli.

Radicchio trevigiano

Questa varietà di radicchio IGP è esteticamente elegante, è ricco di calcio, ferro, fosforo e magnesio e ha un sapore delicato e leggermente amaro e la consistenza croccante. Tra le ricette più famose, che lo valorizzano, la più stimata è certamente quella del risotto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOlio EVO, potente anti-tumorale per l’intestino
Articolo successivoCreme autoidratanti, la nuova frontiera della bellezza del viso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here