L’incubo di chi guarisce dal Covid-19

0
800

La ricerca non ha ancora individuato dei veri e propri effetti collaterali a chi, per la prima volta, riceve il famigerato vaccino contro il Covid19, eppure, molte indagini hanno determinato come possano per molti guariti manifestarsi effetti negativi sul sistema nervoso che possono, a loro volta, comportare anche conseguenze sulle funzioni cognitive e neurologiche. 

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Oxford, in Inghilterra, ha dato nuovi dati per quanto riguarda i tassi di incidenza ed i rischi relativi del Covid19, su oltre 200mila pazienti; ciò che ne trapela è che “ l’incidenza di condizioni patologiche a carico del sistema nervoso è stata del 33,6%, con il 12,8% dei guariti che ha ricevuto per la prima volta una diagnosi di disturbo mentale. La maggior parte delle condizioni, tra cui ictus, emorragia intracranica demenza e disturbi psicotici, è risultata più frequente dopo i casi di Covid-19 rispetto a coloro che avevano avuto l’influenza o un’infezione delle vie respiratorie” come riportato su fanpage.it

Tutto ciò si tradurrebbe nella prova di una sostanziale tendenza a sviluppare sintomi di natura neurologica e psichiatrica da parte di chi, per l’appunto, è guarito dall’infezione del coronavirus. A tal proposito, non sono stati ancora individuati i fattori responsabili di tali conseguenze, tuttavia, i ricercatori precisano come queste siano informazioni di vitale importanza nella programmazione di piani sanitari e studi scientifici. 

Altri studi, precedenti a questo, hanno dimostrato come il covid possa avere conseguenze post-guarigione sulla salute dei pazienti, difatti, “anche un recente studio italiano (basato però su questionari) ha concluso che circa il 75 percento dei pazienti contagiati dal coronavirus SARS-CoV-2 che finiscono al pronto soccorso o ricoverati in ospedale manifesta sintomi neurologici” come suggerisce il sito corriere.it. Resta quindi il dubbio di come pur guarendo, possa esserci il rischio di contrarre disturbi più o meno gravi, pur essendo le prove, ormai, sempre più numerose. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSe sei solito buttare le bucce di banana, non farlo
Articolo successivoI segnali precoci che indicano un tumore alla vescica