Macchie sul viso: quali sono le cause e come rimuoverle?

0
243

Macchie marroni? Macchie dell’età? Lentigo solare? Hanno tanti nomi ma sono accomunate dalla stessa cosa: sono antiestetiche e tutti vogliamo liberarcene! Queste macchie compaiono sul viso, sulle mani e sul décolleté in genere a partire dai 40 anni, ma si notano anche nelle persone più giovani. 

Cosa sono queste macchie marroni, perché compaiono e possono essere fatte scomparire? Ma soprattutto come prevenire la loro comparsa?

Il trattamento delle macchie brune non è obbligatorio in quanto non hanno conseguenze sulla salute ma rappresentano spesso un problema estetico. Prima di qualsiasi trattamento, è assolutamente necessario ricordare che queste macchie marroni devono essere monitorate. Se i bordi diventano irregolari o se sembrano evolversi (cambiamento di colore, sanguinamento, ispessimento, ecc…), è quindi importante consultare uno specialista per verificare che non evolvano verso un melanoma.

Esistono diversi tipi di macchie di iperpigmentazione:

–  Lentigos: sono macchie rotonde di colore marrone chiaro. Possono essere presenti dalla nascita o apparire in seguito a ripetute esposizioni al sole. In questo caso si parla di “macchie senili” o “macchie solari” che compaiono sulle zone esposte al sole: collo, décolleté, viso e mani.

–  Maschera gravidica, cloasma, melasma: questa tipologia di macchia ha un aspetto iperpigmentato con contorno irregolare , sono dovute ad un eccesso di produzione di melanina associato a squilibri ormonali (gravidanza, assunzione di contraccettivi, menopausa, ecc.). Le macchie sono spesso bilaterali e simmetriche, il che conferisce l’aspetto di una maschera.

–  Efelidi o lentiggini: sono ereditari ma possono essere accentuati al sole.

–  Il nevo o  neo  : spesso congenito, si tratta di macchie piatte o leggermente rialzate di dimensioni e forma variabili ma che possono evolvere e degenerare in cancro (melanoma) è per questo motivo che questi nevi devono essere monitorati.

Tutte queste macchie brune possono essere antiestetiche e richiedono cure estetiche per ridurle, ma in ogni caso e soprattutto dovrebbero essere esaminate da un dermatologo o da un medico in modo da identificare chiaramente di che tipo di macchia bruna si tratta.

Creme antimacchia come trattamento preventivo

Esistono molte creme depigmentanti per rendere le macchie più chiare, così come sieri antimacchie leviganti. Alcune sono creme cosmetiche contenenti estratti vegetali e sono disponibili al banco. Tra questi estratti attivi sulla pigmentazione troviamo: vitamina C, acido azelaico, acido cogico, viniferina,  resorcina,  AHA  ecc… 

Esistono altre creme ed in particolare a base di idrochinone, corticosteroidi topici e sali di mercurio, acido salicilico, acido glicolico, tretinoina, disponibili solo su prescrizione medica.

Questo trattamento richiede l’uso imperativo di una protezione solare totale ad ogni esposizione al sole e può causare prurito, irritazione, secchezza della pelle soprattutto sulla pelle sensibile. In ogni caso chiedi consiglio al tuo farmacista.  

Trattamento al laser

Il laser è una soluzione spesso proposta dai dermatologi poiché distrugge i melanociti e quindi le cellule che contengono melanina e quindi sbiadisce le macchie a poco a poco. Queste cellule iperpigmentate poi svaniscono in piccole croste. Questo trattamento è particolarmente consigliato alle persone con pelle chiara per colpire meglio la macchia più scura, e preferibilmente in inverno per evitare il rischio dell’abbronzatura che potrebbe interrompere l’azione del laser. L’esposizione al sole è controindicata dopo una sessione laser.

Crioterapia

La crioterapia rimane probabilmente la più accessibile in termini di costi. Questa è una tecnica anti-macchie molto popolare che consiste nel bruciare la macchia applicando azoto liquido molto freddo. Questo provoca una sensazione di freddo e leggero formicolio indolore e, ancora, la tecnica è consigliata per pelli chiare con macchie scure ben definite. L’esposizione al sole è quindi sconsigliata.

Peeling chimico

Il peeling acido sulla pelle è una tecnica molto utilizzata per eliminare le piccole macchie sul viso. Questo acido (generalmente acido tricloroacetico) depositato sulla pelle per esfoliarla più o meno in profondità viene lasciato in posa per alcuni minuti e l’agente chimico brucia la macchia che porta alla formazione di una bolla poi una crosta che asciugandosi toglie macchia che lascia definitivamente. La tecnica è indolore, consigliata per la pelle chiara e non dovresti esporti al sole in seguito.

Dermoabrasione

La dermoabrasione è una tecnica simile al peeling che è molto efficace ma aggressiva perché consiste nel levigare la pelle per rimuovere la copertura cutanea oltre che la macchia. Quindi fai attenzione alle semplici macchie marroni sulla pelle sottile perché possono verificarsi problemi di guarigione.

Macchie brune: come prevenirle?

La prevenzione dell’iperpigmentazione prevede l’uso sistematico di una protezione solare quotidiana, non dimentichiamo che la maggior parte dei danni creati dai raggi UV è dovuta all’esposizione occasionale incontrollata al sole come le attività quotidiane, camminare, mangiare in terrazza, ecc., attività per le quali non pensiamo di utilizzare una crema solare perché l’esposizione è generalmente piuttosto breve.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl ruolo del packaging ecosostenibile in un’economia circolare