Coppette mestruali, non essere scettica: la scoperta che ti farà cambiare idea

0
719

Le coppette mestruali sono sicure come gli assorbenti usa e getta. Lo stabilisce una meta-analisi che ha preso in considerazione 43 studi precedenti su 3319 donne. La ricerca, pubblicata su Lancet Public Health, ha tenuto conto di possibili effetti collaterali o danni conseguenti all’uso delle coppette che aderendo alle pareti vaginali raccolgono il flusso invece di assorbirlo: ad esempio possibili perdite, problemi nella flora vaginale, effetti negli organi riproduttivi, digestivi o urinari. Senza trascurare la sicurezza in caso di uso scorretto e le condizioni igieniche insoddisfacenti.

Quasi 2 miliardi di donne in tutto il mondo sono nell’età mestruale e hanno le mestruazioni per circa 65 giorni all’anno. “Tuttavia finora – sottolinea Penelope Phillips-Howard della Liverpool School of Tropical Medicine, nel Regno Unito – pochi studi di alta qualità comparano i prodotti sanitari” dedicati alle mestruazioni. Per questo gli autori hanno deciso di approfondire l’argomento e hanno messo in luce il fatto che sono necessarie ulteriori ricerche.

I risultati finali dicono che in tredici studi, circa il 70 per cento delle donne desidera continuare a utilizzare le coppette mestruali, una volta che hanno acquisito familiarità. In tutti gli studi qualitativi, risulta che l’adozione della coppetta mestruale richiede una fase di familiarizzazione su diversi cicli. Quattro studi, che hanno coinvolto circa 300 donne, hanno poi confrontato le perdite tra coppette mestruali e assorbenti o tamponi usa e getta: il risultato è che le perdite sono simili in tre delle ricerche fatte e significativamente inferiori con le coppette mestruali nella quarta.

I ricercatori e le ricercatrici hanno poi affermato che rendere disponibili le coppette mestruali a livello globale potrebbe aiutare ad affrontare la povertà e i problemi di salute legati al ciclo, come le infezioni, soprattutto nei paesi dove i servizi igienici sono scarsi. Si tratta di una piccola coppa a forma di campana, che viene inserita nella vagina e che raccoglie il fluido mestruale senza assorbirlo, a differenza di assorbenti e tamponi igienici. Come il tampone, è un prodotto interno che si riempie ogni 4-12 ore e dopo deve essere svuotata e sciacquata. Durante il suo utilizzo si raccomanda un’attenta igiene, con cicli periodici di sterilizzazione.

Ne esistono due tipi: più diffusa è la coppetta mestruale vaginale, in silicone medicale, è riutilizzabile e può durare vari anni se ben conservata. L’altro tipo – meno comune – è la coppetta inserita in cima alla vagina, intorno alla cervice (per questo detta cervicale). Quest’ultima ricorda la forma di un diaframma contraccettivo (anche se non è assolutamente un anticoncezionale) ed è un prodotto usa e getta.

Alito cattivo, che imbarazzo! Ecco il rimedio (casalingo) per eliminare il problema

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here