Dai funghi la nuova cura per la depressione?

0
306

Importanti trial  di laboratorio hanno dimostrato che la psilocibina è molto efficace nel trattamento della depressione.

Con Oakland l’ultima città degli Stati Uniti a depenalizzare la settimana scorsa. Alcuni ricercatori dicono che potrebbe diventare “indifendibile” ignorare le prove, ma come potrebbe funzionare come trattamento affidabile?

 “Sono diventato una persona diversa. Non vedevo l’ora di vestirmi, entrare nel mondo esterno, vedere le persone”.

Trovandosi su un letto dell’ospedale Hammersmith di Londra ingerendo capsule di psilocibina, il principio attivo dei funghi magici, Michael non aveva idea di cosa sarebbe successo dopo. Il 56enne sviluppatore di siti web part-time della contea di Durham, nel nord dell’Inghilterra, ha combattuto la depressione per 30 anni e ha provato terapie e molti tipi di antidepressivi senza successo. La morte di sua madre per cancro, seguita dal suicidio di un amico, lo aveva lasciato a uno dei suoi punti più bassi ancora. Cercando online per vedere se i funghi che spuntano nel suo cortile fossero la varietà allucinogena, si era imbattuto in un pioneristico studio medico all’Imperial College di Londra.

Un’esperienza quasi mistica

Ascoltando la musica e circondato da candele e fiori nella stanza clinica decorata, Michael attese con ansia che la droga entrasse in azione. Dopo 50 minuti, vide delle luci brillanti che si allontanavano e intraprese un viaggio di cinque ore nella sua mente, dove avrebbe rivissuto una serie di ricordi d’infanzia e affrontato il suo dolore.  Per i successivi tre mesi, i suoi sintomi depressivi diminuirono.  Si sentiva ottimista e accettava, godendosi i passatempi per cui era diventato apatico, come passeggiare nella campagna dello Yorkshire e scattare fotografie della natura.

“Sono diventato una persona diversa”, dice Michael. “Non vedevo l’ora di vestirmi, entrare nel mondo esterno, vedere le persone. Ero estremamente fiducioso, come lo ero quando ero più giovane, prima che la depressione iniziasse e arrivasse al peggio “.

Primo studio medico dedicato alla depressione

Il trial, terminato nel 2016, è stato il primo studio moderno mirato alla depressione,  trattamento con la psilocibina, un farmaco psichedelico presente in natura in circa 200 specie di funghi. A diversi livelli, Michael e tutti gli altri 18 partecipanti hanno visto i loro sintomi ridursi in una settimana dopo due trattamenti, compresa una dose elevata da 25 mg.  Cinque settimane più tardi, nove su 19 pazienti hanno scoperto che la loro depressione era ancora più  significativamente ridotta (del 50% o più) – risultati che sono rimasti sostanzialmente stabili per tre mesi.

Avevano sofferto di depressione per una media di 18 anni e tutti avevano provato altri trattamenti. Nel gennaio di quest’anno, è stat lanciata la seconda fase della sperimentazione. Uno sforzo ambizioso per testare la psilocibina su un gruppo più ampio e con più rigore scientifico (compreso un gruppo di controllo, a cui lo studio di Michael mancava), confrontando le prestazioni della droga con escitalopram, un antidepressivo comune.  Il team ha ora trattato circa un terzo dei 60 pazienti e afferma che i primi risultati sono promettenti per la psilocibina.

È partita la seconda fase della sperimentazione

L’attuale lavoro di Imperial è tra una serie di nuovi studi che un gruppo di professori,  e investitori spera porterà all’approvazione medica della psilocibina come trattamento trasformativo.  Tra gli altri, a breve inizierà uno studio di 80 persone condotto dall’Usona Institute. Un’associazione medica no-profit con sede nel Wisconsin e un processo al King’s College di Londra.

Nonché una sperimentazione per 216 persone che è già in corso negli Stati Uniti, Europa e Canada, gestito dalla Compass Pathways, società di scienze biologiche con sede a Londra.  Robin Carhart-Harris, capo del Centro per la ricerca psichedelica dell’Imperial e consulente scientifico Compass, ritiene che la psilocibina possa essere un farmaco autorizzato entro cinque anni, o potenzialmente anche prima.

“Intorno a quel punto”, dice, “sarebbe come una forza irresistibile, e indifendibile ignorare il peso delle prove”.

Per secoli sono stati usati dalle popolazioni Precolombiane

I funghi di psilocibina hanno fatto parte di rituali religiosi per migliaia di anni.  Gli aztechi del Messico si riferivano al fungo come teonanácatl, o “carne di Dio”, in omaggio alla sua creduta potenza sacra.  Nel 1957, Albert Hoffman, un chimico svizzero che lavorava per l’azienda farmaceutica Sandoz, isolò la psilocibina dal fungo.  Quindici anni prima, aveva ingerito accidentalmente l’LSD, aveva lasciato il lavoro con le vertigini e aveva sperimentato i suoi effetti psichedelici quando tornava a casa. Durante gli anni ’60, Sandoz vendette psilocibina e LSD per la ricerca in studi clinici, ma le sostanze furono presto messe fuori legge dopo essere state associate alla controcultura degli anni ’60.

È considerata una droga allucinogena

La psilocibina rimane nella categoria più ristretta oggi sotto la Convenzione delle Nazioni Unite sulle sostanze psicotrope, la Legge sulle sostanze controllate degli Stati Uniti del 1970 e la Legge del 1971 sul consumo di droghe del Regno Unito, tra gli altri.  David Nutt, professore di neuropsicoparmacologia all’Imperial, che sta supervisionando gli attuali processi, contesta le prove per questo, dicendo che limitare fortemente la droga (e altre sostanze psichedeliche) ha ostacolato la ricerca e spinto “bugie” sui suoi rischi e sul potenziale medico.  Per lui, la decisione è “uno degli esempi più atroci della censura della scienza e della medicina nella storia del mondo”.

Approvazione del farmaco entro 5 anni

In caso di successo, la nuova ondata di ricerca potrebbe continuare a cambiare la reputazione della psilocibina dopo decenni di proibizione.  Carhart-Harris ritiene che la droga offra un trattamento migliore e più completo rispetto agli attuali antidepressivi.  che Potrebbe essere una potente nuova terapia per una serie di altre malattie mentali, tra cui ansia e disturbi alimentari.

Uno studio della Johns Hopkins University del 2016 su 51 pazienti con cancro potenzialmente letale ha mostrato che dosi elevate di psilocibina riducevano significativamente la depressione e l’ansia.   Nell’80% dei casi e aiutavano i pazienti ad accettare la morte.  Uno studio dell’Università di New York quell’anno ha mostrato risultati simili.

Gli studi attuali stanno esaminando ulteriormente il potenziale di psilocibina per la riduzione della dipendenza da fumo e dipendenza dall’alcool.  Dopo che i primi piloti hanno prodotto risultati potenti. I ricercatori di Johns Hopkins hanno mostrato in un piccolo studio che l’80% dei fumatori sei mesi dopo il trattamento con psilocibina non fumava da 6 settimane.

Aiuta a vedere la vita in maniera più chiara

Carhart-Harris ritiene che può aiutare le persone a vedere le loro vite in modo più chiaro.  “È quasi come essere in presenza di qualcuno particolarmente saggio, in termini di ciò che esce dalla loro bocca”.

Non è chiaro quanta parte della riduzione della depressione provenga dal supporto psichiatrico che circonda il trattamento.

Una nuova frontiera della ricerca sul cervello

Gran parte delle neuroscienze delle sostanze psichedeliche rimane sconosciuta. Le scansioni del cervello dei pazienti dopo la somministrazione di psilocibina hanno mostrato una riduzione del flusso sanguigno e dell’attività di riposo nell’amigdala.  Spesso è iperattiva nella depressione e nell’ansia.

Mostrano anche connessioni più libere tra le reti cerebrali, che poi si reintegrano in ciò che  è parte del cervello che “ripristina” se stesso. Questo potrebbe spiegare perché il farmaco spinge alcuni pazienti a ripensare le credenze radicate e a rompere schemi e comportamenti di pensiero compulsivi.

I ricercatori dell’Imperial ritengono che la psilocibina funzioni diversamente dai trattamenti più attuali.  Se gli antidepressivi comuni offuscano le emozioni , la psilocibina lavora sulla serotonina per aumentare le risposte emotive.  Questo può provocare cambiamenti permanenti nella mentalità.

Una ricerca che deve continuare

Anche i più accaniti sostenitori della psilocibina concordano sul fatto che ci vorranno più prove della sua efficacia su gruppi più grandi in contesti controllati, e indagini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here