Una molletta sull’orecchio contro i dolori

0
1872

Chi non ha mai sentito parlare di quei “trucchetti” che con un semplice gesto possono salvare la propria giornata? Ecco, allora perché assumere antidolorifici se è possibile alleviare il dolore semplicemente usando una molletta? Proprio cosi, difatti,  per quanto possa sembrare uno scherzo, in realtà, attaccando una molletta da bucato in una zona precisa dell’orecchio, si possono alleviare diversi tipi di dolore. No, non è una stregoneria ma bensì una vera e propria pratica terapeutica basata sulla stimolazione di quelli che vengono chiamati“punti riflessi”.  Ma procediamo con ordine e cerchiamo di capire in cosa consiste e come fare. 

Innanzitutto, è bene sapere che, come suggerisce il sito supereva.it, “questa tecnica si basa sulla premessa che tutti i riflessi provenienti dai vari organi del corpo giungano all’orecchio e chi conosce la disciplina della riflessologia comprende già di cosa stiamo parlando. L’auricoloterapia, infatti, sostiene che intervenendo su zone specifiche del padiglione auricolare si possa guarire da alcuni disturbi che affliggono il nostro corpo. Il merito di aver valorizzato e approfondito questa disciplina deve essere attribuito ad un medico francese, Paul Nogier, il quale ha realizzato una vera e propria mappa, secondo la quale ogni parte del corpo ha un corrispettivo punto di riferimento nell’orecchio”. 

Detto ciò, ognuno di questi punti possiede numerose terminazioni nervose e quindi, se stimolati nel modo giusto, ci consentono di ottenere risultati strabilianti. Nello specifico, sono stati individuati 6 punti idonei alla stimolazione e che possono attenuare i dolori che si accusano con maggior frequenza. Ad esempio, i punti corrispondenti alla parte alta del padiglione auricolare, riguardano i dolori alle spalle o più in generale quelli alla schiena, mentre per quanto riguarda i dolori intercostali si deve far riferimento alla parte bassa. Ancora, per intervenire invece sulle infiammazioni alle articolazioni, la parte interessata è quella centrale, mentre premendo sotto il lobo si possono risolvere i problemi digestivi. I dolori di petto e gola si attenuano stimolando la zona medio-bassa dell’orecchio e la parte centrale del lobo, in fine, aiuta il cuore e fa passare l’emicrania. 

Quindi, come riporta donnaweb.net, “stimolando questi punti di pressione nel nostro orecchio, dato che ogni punto è collegato ad una parte del corpo potremo contribuire ad alleviare i dolori nelle diverse parti del corpo, innescando una guarigione naturale senza l’aiuto di farmaci”. Bhe, non ci rimane che provare! In fin dei conti chi non ha una molletta (magari allentata un pò) in casa e la voglia matta di farsi passare un fastidioso mal di testa? Basta non esagerare, ovviamente.