Come prevenire e rallentare l’Alzheimer grazie a questi rimedi naturali

0
654

Il cosiddetto morbo di Alzheimer è una patologia che colpisce il cervello e nello specifico, provoca un rallentamento della capacità di memoria, pensiero e ragionamento. Secondo quanto riportato sul sito truenumbers.it, “in Europa, soffrono di Alzheimer 10 milioni di persone, un numero che è destinato quasi a raddoppiare (18,6 milioni) entro il 2050”, inoltre, “su scala mondiale si registrano quasi 10 milioni di nuovi casi all’anno di Alzheimer, vale a dire unnuovo caso ogni 3,2 secondi”. Data la forte incidenza di tale patologia, ci si chiede spesso se vi siano metodi o rimedi naturali meno invasivi rispetto ai tradizionali metodi della medicina, per tanto, è bene sapere che si, esistono metodi che aiutano a prevenire e rallentare la malattia di Alzheimer, ma non la curano. 

Ad oggi non è stata ancora individuata una cura effettiva per l’Alzheimer, tuttavia, è bene tenere in considerazione l’assunzione di alimenti scelti, ai fini di ridurre il rischio di ammalarsi e tenere sotto controllo l’avanzamento dei danni neurologici. Ad esempio, le vitamine del gruppo B, contenute in cibi come uova, pesce, latte e piselli, svolgono un ruolo fondamentale nel ridurre i livelli di omocisteina nel sangue; “questo amminoacido, se presente in concentrazioni superiori alla norma, si associa a un alto rischio di sviluppare l’Alzheimer e altre forme di demenza senile e presenile, oltre a esporre a patologie cardiovascolari” come riporta il sito lucaavoledo.it

Inoltre, è stato accertato tramite uno studio effettuato da alcuni ricercatori, che il rosmarino (meglio ancora il suo estratto) si rivela utile nel migliorare la memoria e l’apprendimento. Il rosmarino, difatti, contiene alcuni componenti chimici che possono prevenire la perdita di ‘acetilcolina’, ovvero uno dei neurotrasmettitori più importanti e responsabile della trasmissione nervosa, spesso carente nei pazienti affetti da Alzheimer. 

Anche la curcuma, la cui curcumina contenuta in essa è la vera benefattrice, si rivela esser positiva sulla salute del cervello; secondo un recente studio, “è stato osservato come questa pianta abbia contribuito a smaltire l’accumolo di sostanze tossiche (chiamate beta amiloidi) e delle placche già presenti a livello cerebrale, entrambi fenomeni caratteristici del morbo di Alzheimer” come suggerisce il sito starbene.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome migliorare la propria vista con metodi naturali
Articolo successivoEcco alcuni metodi inaspettati per pulire il proprio corpo dalle tossine