Ronzio persistente alle orecchie? Si tratta di Acufene, ecco come puoi eliminarlo

0
922

Quel fastidioso ronzio alle orecchie che capita a tutti di sentire di tanto in tanto, è noto in ambito medico come ‘acufene’, il quale è per l’appunto un fastidioso disturbo caratterizzato da un penetrante e inarrestabile suono, che si percepisce senza che si sia necessariamente esposti a rumori esterni. Il più delle volte l’acufene è un fenomeno temporaneo, della durata di pochi secondi, tuttavia, in altre circostanze rappresenta un sintomo molto ricorrente che si può ripercuotere negativamente anche sulle nomali attività quotidiane. Non sono ancora ben note le cause all’origine di tale fenomeno e a tal proposito, la natura del disturbo può variare di caso in caso: può esser riconducibile al diabete o problemi alla tiroide, ma anche a un eccessivo consumo di zuccheri, alcolici e farine bianche, quindi, associabile ad una cattiva alimentazione. 

Detto ciò, purché non si abbiano problemi più seri rispetto al solo ronzio, si può approfittare e sfruttare le proprietà di alcuni rimedi naturali per alleviare i sintomi di questo fastidioso disturbo; ma prima, bisogna premettere che “uno dei fattori scatenanti più frequenti, in particolare se il disturbo si verifica in modo ricorrente, sono i danni alle cellule dell’orecchio interno. Tali danni, stimolano nell’orecchio l’emissione di un segnale elettrico attraverso un nervo acusticoche raggiunge il cervello, dove viene interpretato come un suono” come riportato su viverepiusani.it. A tal proposito, proprio per la presenza di questi ‘micro danni’ al condotto uditivo, molti casi di acufene sono poi relazionati alla perdita dell’udito ed è proprio per questo motivo che è importantissimo intervenire per per ridurne immediatamente gli effetti. 

Ora, il primo passo da fare al fine di alleviare o addirittura prevenire la comparsa di acufene è seguire una corretta alimentazione, presentando particolare attenzione al consumo di latticini ed alcolici, come accennato in precedenza. “Nel caso dei primi, si tratta di mantenere in buona salute il muco che abita il nostro corpo che, quando equilibrato ci protegge, quando eccessivo ci intasa. Gli alcolici invece danno luogo alla dilatazione dei vasi sanguigni e dunque nei capillari dell’orecchio interno finisce con giungere una maggiore quantità di sangue” come suggerito sul sito cure-naturali.it

Per il resto, esistono alcuni prodotti naturali in grado di attenuare naturalmente gli effetti dell’acufene. In particolare, la cipolla è un ortaggio dalle straordinarie proprietà antinfiammatorie, quindi, in grado di ‘sfiammare’ il condotto uditivo in caso di acufene; tutto ciò che occorrerà fare, sarà ricavare alcune gocce del succo di una cipolla e aiutandosi con un contagocce, inserirne 2 o 3 all’interno dell’orecchio, tenendo la testa inclinata per qualche minuto. Altrimenti, in alternativa e grazie alla sua composizione chimica, molto simile a quella della cipolla, anche l’aglio si rivela come un valido rimedio contro i sintomi dell’acufene: basterà fare la stessa cosa anche con esso, ovvero, ricavare alcune gocce da uno spicchio, poi inserirle all’interno del condotto uditivo aiutandosi con un contagocce. Facendo cosi, nel giro di una settimana, gli effetti dovrebbero scomparire del tutto e non si dovrebbe più percepire alcun ronzio.