Diossina nei cibi e rischio salute: urgente ridurre di 7 volte i livelli consentiti

0
215
diossina nei cibi

Non è possibile rischiare oltre: bisogna abbassare ancora i livelli di diossina nei cibi.
Torna infatti a preoccupare la presenza di diossine e simili (Pcb) negli alimenti in Europa.

Sulla base degli ultimi dati rilevati, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha deciso di abbassare la dose settimanale tollerabile, in quanto il rischio per la salute è alto.

Partendo dal presupposto che ormai diossine e simili sostanze chimiche ne mangiamo tutti i giorni, l’Efsa torna a tuonare contro queste in particolare e parla di nuovi scenari molto negativi per la salute umana.

diossina nei cibi

Abbassare i livelli la diossina consentita nei cibi

Ron Hoogenboom, membro del gruppo di esperti scientifici CONTAM e presidente del gruppo di lavoro sulle diossine, ha dichiarato: “Il gruppo di esperti scientifici ha stabilito una nuova assunzione settimanale tollerabile per diossine e PCB diossina-simili negli alimenti di 2 picogrammi* per chilogrammo di peso corporeo”.

La nuova quantità è di 7 volte inferiore alla precedente dose tollerabile UE, stabilita nel 2001 dal disciolto Comitato scientifico per l’alimentazione umana della Commissione europea.

diossina nella catena alimentare umana

Nuovi rischi per la salute dell’uomo

I nuovi rischi per la salute dell’uomo, stanti gli attuali livelli di diossina, sono una scarsa qualità dello sperma e un effetto nocivo sul sangue.

A livelli più alti di ocncentrazione di diossina si sono riscontrati: percentuale inferiore di nascite di sesso maschile rispetto a quelle di sesso femminile, livelli più elevati di ormoni tireostimolanti nei neonati e difetti nello sviluppo dello smalto dentale.

«Le esposizioni medie ed elevate erano rispettivamente fino a cinque e 15 volte la nuova dose settimanale tollerabile in adolescenti, adulti e anziani», ha rilevato il presidente del gruppo di lavoro sulle diossine, Ron Hoogenboom.
Aggiungendo che anche nei bambini piccoli e in bambini fino a 10 anni di età, si è visto un simile spettro di superamento della dose settimanale tollerabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here