Tosse, quando c’è da preoccuparsi seriamente? I sintomi associati da non sottovalutare

0
673

Se in qualunque altro anno della nostra esistenza, una tosse non sarebbe stata niente altro che una tosse, non si può dire lo stesso di questo anno “particolare”. In realtà è ormai troppo tempo che siamo nella stessa situazione e saremmo anche stufi di andare in tilt ogni volta che abbiamo la tosse. Purtroppo la situazione è quella che è e il coronavirus ha trasformato la tosse in qualcosa di tremendo. Fino allo scorso anno, mai avremmo pensato di arrivare a questo punto. E invece è successo e siamo vicini a nuove restrizioni. Se prima la tosse era un normale processo di difesa dell’organismo, ora è il terrore di tutti noi. La paura che si tratti di coronavirus. Ma la tosse non è sintomo solo di coronavirus, ricordiamolo.

La tosse, infatti, non è una vera e propria malattia ma un riflesso attraverso il quale il corpo ripulisce le vie aeree dalle secrezioni. In questo momento storico, però, è uno dei primi sintomi del coronavirus, insieme alla febbre. Per questo la tosse è spesso sospetta e spaventosa. Anche in periodi “normali”, la tosse è una bella rogna: non ci fa dormire la notte, ci mette nervosismo e ansia, non ci fa concentrare. Cerchiamo di capirla, questa tosse perché ovviamente non è sempre sintomo di Covid-19. Continua a leggere dopo la foto


La tosse può essere acuta o cronica. La prima, più frequente nei bambini fino a 4 anni, è provocata da una frequente esposizione a virus e batteri. In genere sparisce in 2 settimane. Tra le cause più frequenti ci sono la polmonite o le infezioni delle vie aeree.
La tosse cronica, invece, dura più di due mesi e il più delle volte è provocata dall’asma bronchiale. Altre cause possono essere la bronchite cronica, infezioni respiratorie, reflusso. Tra le cause meno comuni ci sono anche patologie più serie come il tumore al polmone o la tubercolosi.

La tosse si distingue anche in tosse secca e tosse grassa: mentre la prima è stizzosa, la seconda è detta anche produttiva ed è accompagnata dall’espulsione di catarro.
Come comportarsi in caso di tosse? Ci sono dei segnali piuttosto preoccupanti che non vanno trascurati. Continua a leggere dopo la foto


Se la tosse è accompagnata da respiro affannoso, da catarro misto a sangue, da perdita di peso significativa non giustificata da una dieta e se la tosse è accompagnata da febbre, meglio consultare subito il medico che farà fare gli approfondimenti del caso. In un periodo come questo, il medico potrebbe anche suggerire di sottoporsi a tampone per il coronavirus anche se, è bene ricordarlo, non tutta la tosse è tosse da coronavirus. Capiamo però che, in un momento del genere, il pensiero vada lì.

La tosse, poi, può anche essere provocata da inalazione di corpo estraneo: in tal caso si tratta di una tosse continua che non passa con nulla. Nel dubbio di inalazione di corpo estraneo, è bene rivolgersi immediatamente al medico. Continua a leggere dopo la foto

Tra i rimedi naturali più indicati per la tosse c’è di sicuro l’assunzione di una grande quantità di liquidi. Bere molta acqua (o tè o tisane) aiuta a espellere le tossine e a liberarsi di tosse e catarro. Anche il miele è un ottimo rimedio, che non dovrebbe mai mancare nelle nostre dispense. Due o tre cucchiai al giorno, mescolati con succo di limone possono aiutare parecchio.

Sapevate che anche la doccia calda è un rimedio ottimo per curare la tosse? Il merito è del vapore che lenisce le infiammazioni e le irritazioni delle vie aeree e decongestiona.
Un rimedio della nonna che non vi deluderà è a base di limone: tagliate un limone, prendete uno spicchio, metteteci sopra del pepe e tenetevelo in bocca. Ripetete l’operazione più volte al giorno e starete meglio.

Ripulire il sistema linfatico: i rimedi casalinghi per un ritrovato benessere