5 piante ideali da mettere in casa in autunno e come accudirle

0
1093
5 piante ideali da mettere in casa in autunno e come accudirle

Dopo le fioriture estive, è bello pensare all’interno delle nostre case, cercando di rinnovare, abbellire o sistemare un angolo della nostra camera o del nostro salotto.
E cosa c’è di meglio di acquistare o farci regalare una bella pianta?

Anche perché questa è la stagione giusta per le piante, per ripartire con una nuova vita in un posto nuovo. Se le avete già in casa, l’autunno è il momento ideale per cambiare il vaso, se non ne avete, ecco quelle che dovreste acquistare perché sono le più resistenti, visto che le piante, naturalmente, sono fatte per vivere all’aperto, e non tutte si adattano perfettamente all’interno delle nostre case.

piante

Come creare il microclima giusto per le piante

Le piante migliori per l’interno sono generalmente le piante di origine tropicale, e per capire come trattarle si può cercare di ricordare (e simulare) come vivono nel loro habitat originario: occorre un ambiente caldo umido e luce si ma non diretta perché vivono nella foresta sotto le piante ad alto fusto (quindi vogliono luce ma filtrata, ad esempio da una tenda).

Come garantire la giusta umidità? Nebulizzando regolarmente le foglie e il terriccio (anche due volte al giorno), adoperando uno di quegli appositi spruzzini per le piantine.

La tecnica migliore, però, consiste nel collocare il vaso all’interno di un contenitore non profondo (simile ad un vassoio), aggiungerci “3 cm” di ghiaia o argilla, versarci dell’acqua il cui livello non superi quest’ultima: in questo modo, l’acqua che man mano evaporerà, formerà un microclima umido attorno al fogliame.

mantenere umido l'habitat delle piante

#1 Ciclamini

Il ciclamino è una delle piante più apprezzate e, grazie alla propria resistenza al freddo, dura per tutta la stagione autunnale e addirittura anche fino alla primavera.
I fiori sono vivacemente colorati e le tonalità di colore vanno dal bianco al rosa scuro. Questo tipo di fiore da appartamento ha bisogno di molta luce, ma non diretta, e bisogna tenerlo in stanze fresche con una temperatura compresa tra 10 e 18 gradi. Occorre, inoltre, fare in modo che la pianta non sia esposta a colpi di vento o a correnti d’aria.

#2 Pothos

Annaffiare con moderazione, anche in estate; bastano due, massimo tre, annaffiature alla settimana. In inverno annaffiare poco; lasciare seccare i due terzi superiori del substrato prima di tornare ad annaffiare. In generale il terriccio va conservato umido con annaffiature regolari. Ma come regola generale, è meglio che rimanga un po’ secca piuttosto che la terra abbia dei ristagni.

#3 Spatifillo

Lo spatifillo è una pianta tropicale, soffre molto con temperature intorno agli 8-10 °C, non riuscirebbe a sopravvivere a temperature più rigide. La sua temperatura ideale è di circa 20°C e non sopporta gli sbalzi termici. In inverno, lo spatifillo va tenuto in casa. Consiglio: per avere uno sviluppo ottimale dell’intera pianta, ricordatevi di ruotarla così da esporre alla luce, a ciclo continuo, l’intera chioma.

#4 Anturium

L’anturium ama l’umidità, annaffiatela abbondantemente e posizionate alla base del vaso, dell’argilla espansa, che mantenga umide le radici ma che evita i residui d’acqua. Se l’ambiente risulta essere troppo secco, per mantenere le condizioni ideali della pianta basterà vaporizzarla con l’acqua, ma non effettuate l’operazione se la pianta si trova nel periodo di fioritura. Inoltre ricordatevi di pulire periodicamente le foglie dalla polvere, passando un panno umido su ciascuna di esse. Ricordatevi di eliminare le foglie che si seccano e non sarà necessaria alcuna potatura.

#5 Alocasia

L’alocasia richiede condizioni climatiche molto particolari, per questo motivo spesso, quando viene messa in appartamento, tende a deperire dopo poco.
Ecco allora un vademecum utile per prendersene cura. Chi sceglie di coltivare questa pianta può pensare di inserirla in una serra o in una zona della casa che sia molto calda, ma allo stesso tempo umida (ad esempio una veranda). La temperatura ideale oscilla tra 20 e 25 gradi costanti per tutto l’anno. Se coltivata in casa, si può provare a sistemarla in una finestra esposta verso il lato Sud, per poi spostarla in giardino durante l’estate, in una zona semi-ombreggiata.

Se invece avete già in casa un’orchidea, vi invitiamo a leggere il seguente articolo: Come curare le orchidee in casa per fioriture spettacolari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here