Acqua di cumino, la bevanda benefica che sgonfia l’addome

0
1113

Originaria dell’india dove viene chiamata ‘Jal jeera’, l’acqua di cumino è una bevanda molto diffusa nel continente asiatico, ove viene utilizzata soprattutto per i suoi innumerevoli benefici. A tal proposito, nonostante qui in Italia i semi di cumino siano una spezia utilizzata prettamente a scopo culinario, in realtà, con essi si prepara questa portentosa bevanda utile per purificare l’organismo, favorire la digestione, sgonfiare l’addome e non solo. In particolare, il seme di cumino gode di proprietà carminative (utili ad inibire la formazione e il ristagno di gas castro-intestinali) e digestive, rivelandosi per tanto come uno dei migliori rimedi naturali per avere un addome piatto. Ad ogni modo, cerchiamo di capire meglio in che modo questo prezioso prodotto naturale può rendersi utile per apportare innumerevoli benefici al nostro organismo. 

Come riporta il sito donna.fanpage.it, l’acqua di cumino “stimola il metabolismo, aiutando a consumare più in fretta le riserve di grassi e favorendo la perdita di peso. Inoltre aumenta il senso di sazietà, grazie ad alcuni nutrienti in essa contenuti, come il ferro, che aiuta anche a combattere la carenza di questo importante minerale, prevenendo l’anemia”. Tra le tante sostanze benefiche contenute in esso, il cumino contiene anche una sostanza nota come ‘cuminaldeide’, il cui effetto stimola la digestione, favorendo la produzione di enzimi digestivi nello stomaco. Inoltre, l’alta concentrazione di potassio di cui il cumino gode, è utile per mantenere una sana frequenza cardiaca e migliorarne la funzionalità. 

L’acqua di cumino, tra le altre cose, “aiuta a combattere i disturbi del sonno perché elimina tensioni e stress e affina la memoria migliorando le capacità cerebrali” come suggerisce starbene.it. Preparare l’acqua di cumino è molto semplice: occorrerà aggiungere ad un pentolino contenente acqua bollente alcuni semi e lasciar riposare una notte intera, poi, filtrare l’infuso prima di berlo; nel caso in cui dovesse presentarsi di un colore tendente al marroncino, nessun timore, vorrà dire che i semi di cumino hanno rilasciato tutte le loro proprietà, quindi, la bevanda è stata preparata con successo. In alternativa, si può far bollire i semi per 15 minuti (circa) in mezzo litro di acqua, fino a quando non avrà ottenuto il tipico colorito marrone, poi, filtrare ed aggiungere uno spicchio di limone. 

Facendo un consumo costante di acqua di cumino, anche pelle e capelli ne trarranno beneficio, inoltre, si tratta di un valido sedativo naturale, perciò, è consigliata sopratutto per chi conduce uno stile di vita frenetico, quindi è soggetto a stress.A tal proposito, non vi sono particolari controindicazioni da tenere in considerazione, tuttavia, il suo consumo è sconsigliato invece per le donne in stato di gravidanza, in quanto i principi attivi presenti nel seme potrebbero anticipare le contrazioni e per chi soffre di patologie del fegato, chi fa uso di integratori di ormoni e chi fa uso di farmaci fotosensibilizzanti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArtrite reumatoide, ecco cosa c’è da sapere e rimedi naturali
Articolo successivoMetti del sale nello shampoo, ecco spiegato perché